Givova Ladies, si infrange il sogno promozione, sconfitta di 19 punti nella finale di ritorno.

0
290

Il lieto fine non arriva per la Givova Ladies Scafati. Il quintetto di coach Ottaviano perde 66-47 al PalaPertini di Ponte Buggianese e accantona il sogno della promozione in A2.

Inizio davvero teso da ambo le parti. Come da copione, sono le padrone di casa a prendere in mano l’inerzia con Bona e Giglio Tos, che tentano di dare una prima scossa al match (9-5). Ma dall’altra parte Iozzino e Čičić tengono botta e permettono alla Givova Ladies di chiudere la prima frazione sul 13-11. I secondi dieci giri di lancetta promettono bene per Scafati, che sigla anche il 17 pari ancora con Čičić. Ma è da questo momento che l’Orza Rent fa scatenare la prima vera ondata. Sono Bona e in particolar modo Giglio Tos a infiammare il PalaPertini, con le nero arancio che si lasciano prendere un po’ troppo dal nervosismo. Le due squadre tornano così negli spogliatoi, con il -13 dell’andata ribaltato a favore delle toscane (40-26).

Nella ripresa le nero arancio cercano di alzare il volume della radio in difesa e rallentano il forcing delle locali. E’ Iozzino a salire in cattedra e a mettere in linea di galleggiamento la sua squadra (44-33). Ma Giglio Tos e Nerini hanno la mano calda e consentono all’Orza Rent di andare all’ultimo riposo sul 49-35. Nel quarto periodo la Givova Ladies si gioca il tutto per tutto. L’intensità nella propria metà campo è ad alti livelli, ma Nico Basket pare averne di più. E’ Giglio Tos dalla lunga distanza a realizzare alcune bombe pesantissime che spezzano le gambe alle nero arancio. La rediviva Iozzino tenta ancora di dare un filo di speranza alle scafatesi con la tripla del 57-41, ma è tutto inutile. E’ sempre un’immarcabile Giglio Tos a trovare il fondo della retina e a regalare la promozione alla propria squadra.

Disperazione evidente tra le giocatrici al termine della gara. Questo il bilancio del gm Prete al termine della gara. “Sapevamo che, nonostante il +13 dell’andata, giocare al PalaPertini non sarebbe stato facile. Onore e complimenti alla Nico Basket, che si è confermata avversaria ostica e ben organizzata. Le nostre ragazze sono state meravigliose durante tutta la stagione e ci hanno fatto sognare a occhi aperti. Malgrado l’epilogo avverso, a loro e a tutto lo staff, va il ringraziamento per un’annata davvero emozionante. Il campionato è stato lungo e ricco di insidie, ma c’è sempre stata la stessa unione d’intenti che ci ha portato fino a qui.  Un plauso anche a chi è venuto fino a Ponte Buggianese per sostenerci. Abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi, che ci eravamo prefissati la scorsa estate e questo ci fa ben sperare per il futuro. Restano le belle immagini del PalaFusco gremito sabato scorso per l’andata e le tante vittoria in rimonta che ci hanno fatto palpitare ed esultare. Dalla prossima settimana ripartiremo subito per programmare il campionato, che verrà. Non sarà di certo una sconfitta a fermarci”.

E’ tempo di bilanci, invece, coach Nicola Ottaviano che fa mea culpa. “Dispiace tanto per la sconfitta. Le ragazze hanno lavorato un anno intero e non la meritavano perché si sono sempre impegnate tantissimo. Ma mi prendo le mie responsabilità per la cattiva gestione dei primi due quarti, nei quali Nico Basket ha preso vantaggio e convinzione di porterla vincere. Chiedo scusa in primis alle giocatrici, al pubblico che ci ha sempre seguito e alla società. Le giocatrici sono state super e auguri a tutti per un futuro roseo. E’stato un campionato fantastico con un gruppo altrettanto fantastico. Grazie di cuore a tutti e un plauso a Nico Basket”.

 

Orza Rent Nico Basket- Givova Ladies Scafati 66-47

Orza Rent Nico Basket: Nerini 6, Ieri n.e., Menchetti, Luciani 8, Cecconi n.e., Bona 14, Giorgi 3, Vannucci, Giari 7, Pagni, Petri 3, Giglio Tos 25. All. Biagi

Givova Ladies Scafati: Sicignano, Iozzino 16, Porcu 2, Sapienza 8, Ottaviani n.e., Scibelli 12, Čičić 6, Baglieri n.e., Ceccardi n.e., Serra n.e., Negri 3. All. Ottaviano

Arbitri: Guercio di Ancona e Forconi di Macerata

Parziali: 13-11, 40-26, 49-35

 

LASCIA UN COMMENTO