Trovati resti di due soldati tedeschi sulle colline salernitane.

Dopo il successo del 2023 Vittoria Assicurazioni, in occasione del Torneo Italiano di Beach Rugby, torna sulle spiagge d’Italia con il Vittoria for Women Tour con Federazione Italiana Rugby e Specchio dei tempi. In ogni tappa sarà possibile sostenere la lotta contro i tumori femminili con una donazione, fare una visita senologica gratuita e divertirsi al Vittoria Village.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

I resti di due soldati tedeschi riconducibili al secondo conflitto mondiale sono stati ritrovati nella giornata di ieri, sui rioni collinari salernitani, dall’Associazione Salerno 1943.

L’identificazione è stata resa possibile attraverso il ritrovamento dell’equipaggiamento e di elementi della buffetteria in dotazione alla Wehrmacht.

Sono emersi, inoltre, i due piastrini identificativi. Il primo reca la stampigliatura “5/A.E.A. 206 513 BGA”, il secondo “513 2 SCH ERS KP68”. Sarà il Wast, l’ente tedesco con cui l’associazione collabora da anni a condurre lo studio archivistico necessario a tramutare le stampigliature in nomi.

Sul luogo del ritrovamento è intervenuta la Sezione radiomobile dei Carabinieri. Con questi ritrovamenti sale a dieci il numero dei soldati recuperati dall’Associazione Culturale Salerno 1943, di cui 5 tedeschi, 4 inglesi ed 1 americano.

I rioni collinari di Salerno furono interessati nel 1943 dal pesante fuoco dell’artiglieria alleata. Molti i soldati che persero la vita, altrettanti i dispersi.

“L’obiettivo delle ricerche dell’associazione è quello di mantenere viva la memoria sui tragici eventi del 1943 che interessarono Salerno e le località limitrofe. A quasi 80 anni dallo sbarco angloamericano, il nostro ricordo va a quelle famiglie che, distrutte dalla guerra, non ebbero una lapide su cui piangere i propri cari”, spiega il presidente dell’associazione Vincenzo Pellegrino.
(ANSA).