Indomita, ragezze eliminate in Coppa Campania. Ragazzi qualificati alla seconda fase.

0
221

Sfuma la qualificazione alla seconda fase di Coppa Campania per l’Indomita femminile. Le ragazze di coach Tescione, nella sfida decisiva perdono 3-1 in casa della Primavera Cavese che guadagna così il pass per il turno successivo. Inevitabile il rammarico in casa Indomita soprattutto per l’andamento dei primi due set. Nel primo le ragazze care alla presidente Ruggiero partono benissimo e impongono subito il proprio ritmo, scappando subito via nel punteggio. Sacco apre il match con due punti consecutivi, poi grazie agli attacchi vincenti di Lanari e Valdes l’Indomita va sul 16-9. Il Cava prova a rientrare e torna addirittura a meno due, 17-19, ma l’Indomita non si fa sorprendere e Grimaldi va a mettere a terra il pallone del 25-19. Nel secondo set parte meglio la formazione metelliana che va subito 5-1. Due ace di Grimaldi e un muro di Izzo rilanciano l’Indomita che trova il sorpasso grazie a Lanari 11-12. Le ragazze di Tescione con un break di otto punti si portano 11-17. Il set sembra avviarsi alla conclusione quando l’Indomita guadagna ben cinque setpoint. In campo entra Morea in regia al posto dell’infortunata capitan Scoppetta e la Primavera Cavese con grande orgoglio ritrova la parità a quota 24. L’Indomita spreca poi altri tre setpoint prima di cedere incredibilmente 29-27. Senza Scoppetta e con Losasso al posto di Izzo al centro l’Indomita prova a reagire nel terzo set. Sono però tanti gli errori. Il set si gioca punto a punto sempre con il Cava avanti e con l’Indomita che ritrova la parità senza però riuscire a mettere la freccia. Sul 19-19 arriva poi l’allungo decisivo delle padrone di casa. Lanari e un ace di Izzo riportano l’Indomita a meno uno, 23-22; poi però Di Prisco e compagne chiudono 25-22. Il quarto set ha un andamento simile con l’Indomita, troppo discontinua che alterna cose positive ad altre negative. Sul 20-20 arriva così l’allungo decisivo della Primavera Cavese che chiude 25-21 conquistando la qualificazione. Grande rammarico in casa Indomita come si evince dalle parole del libero biancoblu Simona Verdoliva: “Sapevamo che non sarebbe stata una partita facile. Dopo una buona partenza verso la metà del secondo set siamo calate man mano un po’ tutte e abbiamo iniziato a giocare a tratti, senza riuscire a trovare la giusta continuità. Poi, l’uscita dal campo della nostra palleggiatrice titolare è stata comunque un fattore determinante e non siamo più riuscite a essere incisive come in precedenza. Adesso pensiamo alla prossima partita in casa contro il Pozzuoli. E’ la prima giornata di campionato, è un match importante e proveremo subito a riscattarci potendo contare anche sul fattore campo a favore”. Dispiacere, voglia di riscatto ma anche tanti spunti su cui dover riflettere e diverse cose su cui dover lavorare in vista del campionato che partirà domenica prossima, 15 ottobre. Alla Senatore arriverà la Pallavolo Pozzuoli, una delle protagoniste annunciate del campionato di serie C femminile.

PRIMAVERA CAVESE – INDOMITA SALERNO 3-1

(19-25, 29-27, 25-22, 25-21)

PRIMAVERA CAVESE: Arpaio, De Iulis, Della Monica, Di Prisco, Izzo, Lamberti N., Lamberti V., Lodato, Ronca, A., Ronca C., Sellitto, D’Auria (L), Mannara (L2). All. Vigorito

INDOMITA: De Rosa, Grimaldi11, Izzo 4, Lanari 19, Losasso 5, Morea, Naddeo, Pizzarelli, Sacco 11, Scoppetta 1, Valdes 20, Verdoliva (L), Truono (L2). All. Tescione

Missione compiuta. Non fallisce l’obiettivo, l’Indomita maschile che vince sul campo dell’Eboli e si qualifica per la seconda fase di Coppa Campania. Capitan Morriello e compagni chiudono così in vetta il girone F, bissando in casa della New Volley Eburum, il successo all’esordio contro la Vitolo Volley. Un successo meritato per i ragazzi cari alla presidente Maria Ruggiero e arrivato al termine di un match ben giocato da un’Indomita arrivata a Eboli con tanti giovani nell’elenco dei convocati. A inizio match coach Vitale e Capriolo schierano Morriello in regia, Mario Pagano e Memoli di banda, Citro e Rainone centrali, Sabatino opposto e Giovanni Pagano come libero. L’Indomita parte bene e va subito avanti chiudendo in scioltezza il set, con il punteggio di 25-17. Situazione identica nel secondo nonostante i tanti cambi effettuati. Da segnalare l’esordio del centrale Salvatore Prisco, appena sedicenne e del palleggiatore Christian Cafaro, classe 1999. Vinto comunque il secondo set 25-19, nel terzo l’Indomita ha subito il ritorno dei padroni di casa che con orgoglio hanno chiuso 25-19. Nel quarto però la squadra biancoblu ha chiuso bene 25-17 conquistando la vittoria e la qualificazione. “Non abbiamo espresso sempre il nostro miglior gioco” – ha dichiarato al termine del match coach Pasquale Vitale – “per colpa anche dei numerosi cambi effettuati nel corso dei set. L’importante comunque era centrare la qualificazione al turno successivo di coppa Campania e poter dare un po’ di spazio a tutti, anche perché, visto che stiamo per affrontare un campionato molto lungo, è necessario che tutti i componenti della rosa siano rodati e si facciano trovare pronti.  si facciano trovare “rodati”. La seconda fase di Coppa Campania si disputerà il 6, 13 e 20 dicembre. Oltre l’Indomita si sono qualificate Atripalda, Sparanise, Volley World, Pompei e Rione Terra Pozzuoli. Le squadre saranno suddivise in due gironi da cui usciranno le quattro partecipanti alla final four. Per la Coppa ci sarà tempo, mentre non c’è tempo per il campionato. Domani, sabato, con fischio d’inizio alle 18.30 alla palestra Senatore, l’Indomita ospiterà la Romeo Normanna, nel match valido per la prima giornata del campionato di serie C. La società, a tal proposito, invita tutti gli appassionati in palestra per sostenere la squadra in questa prima uscita in campionato.

NEW VOLLEY EBURUM – INDOMITA SALERNO 1-3

(17-25, 19-25, 25-19, 15-25)

NEW VOLLEY EBURUM EBOLI: Costabile, Ferullo, Gallotta, Giarletta, Lorenzo, Poto, Visconti, Percopo (L), Pisciotta (L2). All. Sgritta

INDOMITA: Barbato, Brancaleone, Cafaro, Citro, Memoli, Morriello, Pagano M., Prisco, Rainone, Sabatino, Zucchi, Capriolo (L), Pagano G. (L2). All. Vitale

LASCIA UN COMMENTO