Givova Ladies, terza sfida stagionale contro Castellammare.

0
501

È la terza sfida, in questa stagione, tra la Givova Ladies e Castellammare. Nelle due precedenti, una valida per la serie B ed una per la Coppa Campania, ha sempre avuto la meglio la squadra allenata da Coach Ottaviano.

La gara di sabato, che si giocherà in casa neroarancio, è valida per la seconda giornata di ritorno del campionato.

All’andata un’ottima prestazione di Camila Berardi riuscì a contenere la punta di diamante dello Stabia, Raffaella Potolicchio, che per mettere a segno 19 punti dovette tirare oltre 20 volte.

In classifica le due squadre sono al primo posto, a pari punti (14), insieme a Battipaglia e Capri, quest’ultima con una partita in meno.

Il derby di sabato è, quindi, un vero e proprio scontro diretto. Per l’occasione abbiamo posto alcune domande a Tiziano Megaro, preparatore atletico della Givova Ladies.

– Si riparte con la Serie B. Come è andata la preparazione in questo periodo di festa?

“Abbiamo messo in pratica ciò che avevamo programmato con lo staff tecnico prima della sosta. Le atlete che sono rimaste a Scafati hanno svolto tutti i lavori fisici e tecnici organizzati e le ragazze che hanno raggiunto le proprie abitazioni si sono allenate seguendo i piani di lavoro personalizzati (prettamente fisici) monitorate costantemente. E devo dire che al rientro, dopo aver eseguito i test stabiliti, hanno dimostrato di aver lavorato bene”.

 

– Le ragazze sono tutte giovani. Quanto è difficile mantenere i ritmi alti durante l’allenamento anche quando sembra non ve ne sia bisogno?

“Questa è una squadra caratterizzata da una serie di stretti rapporti professionali ed interpersonali che è riuscita, dal primo giorno di raduno, a distinguere e rispettare subito i ruoli all’interno del team. Queste interazioni, in un gruppo affiatato come il nostro, si esplicano secondo norme precise e condivise da tutti noi. La dedizione, lo spirito di sacrificio, la voglia di migliorarsi e la reciproca fiducia tra lo staff e le atlete sono armi che varranno sempre per poter mantenere i ritmi alti”.

 

– È vero che spesso dalla panchina le emozioni sono ancora più forti?

“Chiunque siede in panchina, spesso, per non dire sempre, ha a che fare con il tifoso che è in sè oltre alla figura che gli  compete. Il compito del preparatore è alquanto delicato perché deve avere anche la lucidità di appuntarsi ciò che è andato bene e ciò che è andato male per poi, di concerto con lo staff, programmare la settimana successiva di allenamenti. Sicuramente vivere in primissimo piano la partita crea forti emozioni. Nonostante ciò si continua a ricercarle”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here