Salute e amianto, l’Osservatorio a Palazzo di Città: ripartire dalla Campania.

Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com

La lotta contro l’amianto riparte dalla Campania”, è questo il titolo del convegno organizzato e che si è svolto sabato 13 maggio presso il Salone dei Marmi a Salerno dall’Osservatorio Nazionale Amianto e dal suo presidente, l’avvocato Ezio Bonanni.

 

In Campania l’amianto ha provocato, soltanto nel 2022, più di 600 decessi (100 per mesotelioma, 200 per tumore polmonare, 300 per le altre patologie asbesto correlate come tumori del tratto gastro-intestinale, asbestosi, ispessimenti pleurici, etc.), e migliaia di nuovi malati, decine di migliaia i decessi per altri agenti cancerogeni. Nella regione sono tante le attività economiche in cui negli anni i lavoratori sono stati esposti all’amianto. Tra queste cemento-amianto, cantieristica navale, industria metallurgica, edilizia, portualità e trasporto marittimo, rotabili ferroviari, trasporti terrestri e aerei, riparazione e commercio di autoveicoli e ricambi, difesa militare, agricoltura e industria tessile. Tra gli insediamenti produttivi a maggior rischio ricordiamo Eternit di Bagnoli per l’industria del cemento-amianto (dismessa nel 1986), Italsider di Bagnoli per il settore metallurgico, Fincantieri, SOFER di Pozzuoli, AVIS di Castellammare di Stabia, Firema di Caserta e Grandi officine delle ex Ferrovie dello Stato di Santa Maria La Bruna per la produzione e manutenzione di rotabili ferroviari.

 

Gli ultimi dati disponibili (2018), parlano di 3 nuovi siti industriali con amianto, di 85 edifici pubblici, 955 edifici privati e 3043 coperture in eternit. In totale 4000 strutture. Le bonifiche, però, sono ancora in ritardo. Altra forte criticità è la mancanza di discariche destinate a ricevere materiali con amianto e di impianti di inertizzazione dell’asbesto e l’inattività del Cor, il Centro operativo regionale che registra i casi di mesotelioma.

 

Il vicepresidente della Regione Campania e assessore regionale all’Ambiente, On. Fulvio Bonavitacola, sull’argomento ha dichiarato: “la bonifica delle strutture con elementi costruttivi in amianto è da anni alla primaria attenzione dell’amministrazione regionale. Nel 2018 abbiamo anche promosso un bando destinato ad enti e soggetti pubblici per favorire la decontaminazione da amianto da edifici pubblici o di uso pubblico, come scuole, strutture sanitarie, alloggi precari etc. Uno degli interventi più significativi in materia di amianto riguarda la bonifica del sito EX ISOCHIMICA di Avellino, con un intervento che quota circa 17 milioni di euro. Utilizzeremo il nuovo ciclo di fondi europei per dare un ulteriore impulso agli interventi di decontaminazione da amianto in tutto il territorio regionale”.

 

A seguire l’intervento dell’Assessore alle Politiche sociali e giovanili del Comune di Salerno, Paola De Roberto che ha evidenziato che “il problema amianto a 30 anni dall’entrata in vigore della legge che lo ha messo al mando, risulta essere ancora, purtroppo, un grave problema, soprattutto per la salute, in quanto le patologie gravi ad esso correlate, tra cui in particolare il mesotelioma, si manifestano dopo molti anni dall’esposizione. Quindi non dobbiamo abbassare la guardia e combattere. Ben vengano sistemi di monitoraggio che mantengano un faro acceso sulle esposizioni e giornate studio come quella di oggi. Inoltre sono ancora troppi gli edifici sia pubblici che privati che non sono stati bonificati. La regione Campania ha investito tante risorse per la rimozione e smaltimento, ma c’è ancora tanto da fare. È necessario anche un intervento nazionale che supporti anche le spese del rifacimento delle coperture, per esempio”.

 

Sono intervenuti, inoltre, l’On. Piero De Luca, il Presidente emerito dell’Ordine degli Avvocati, Americo Montera, e gli avvocati Marcello Mascolo, Marco Siniscalco e Stefano Salimbene, che hanno fatto il punto sulla nuova giurisprudenza sul tema amianto.

 

È stata quindi la volta del segretario generale Asso.Impre.Di.A., Alberto Patruno che ha dichiarato “La partecipazione a questo evento è un importante confronto tra Istituzioni, Professionisti e Imprese. È necessario mantenere l’attenzione sul tema dell’amianto, per individuare insieme come accelerare le bonifiche dall’ amianto delle varie strutture ed edifici pubblici ancora presenti sul territorio. Infatti, i dati forniti da ISPRA non sono incoraggianti: a livello nazionale ci sono dei dati aggregati che indicano circa 118.231 siti d’amianto intendendo con questo termine anche l’amianto naturale. Sempre a livello nazionale, lo stato delle bonifiche dei siti di amianto di origine antropica è di 7.918 siti bonificati e 4.304 siti parziamente bonificati. Il censimento degli edifici con presenza di amianto in Campania, il dato è del 2016 (Fonte Regione campania, pubblicato nel sito del MASE). Risultano 1040 edifici, di questi almeno 72 sono edifici pubblici (ho fatto un filtro nella colonna tipologia con “Uffici PA, Scuole di ogni ordine e grado, Ospedali”).

Segue il professore di medicina legale dell’università degli Studi del Sannio – Benevento, Giuseppe Vacchiano che ha rilevato che “il lavoratore, se esposto ad eventuali condizioni di pericolo merita d’essere adeguatamente tutelato e, purtroppo, non sempre questa tutela viene assicurata. Un tale impegno è però particolarmente difficile da realizzare per i lavoratori esposti all’amianto in quanto la patologia amianto correlata è particolarmente complessa, insidiosa, multiforme, cronologicamente non definibile. Occorre pertanto potenziare non solo le misure di prevenzione, ma affiancare ad esse soprattutto quelle di protezione dei lavoratori”.