Psicanalisi del voto: libertà o sicurezza.

0
20

a cura di Francesco Sassano per info sassanof@libero.it

 

Il conflitto in Ucraina ha fatto crollare tutte le nostre certezze di ripresa economica post pandemica.

In Italia, l’aumento dei prezzi dell’energia e dei beni ha spinto l’inflazione fino al +8,4% di agosto, ed essa è per quasi l’80% dovuta proprio all’impennata dei prezzi delle materie prime energetiche. Tali valori sono ben al di sopra dell’obiettivo del 2% che la Banca Centrale Europea si era a suo tempo posta. È probabile che i prezzi aumentino più velocemente del reddito per molte persone. Ciò significa che il costo della vita per un gran numero di italiani sta pesando fortemente sul budget personale e familiare.

L’inflazione in Italia, arrivata in poco tempo a livelli record che non si raggiungevano da 37 anni. (fonte: La Verità)

Le premesse sopra descritte, ci mettono di fronte ad una cruda realtà, ossia la possibilità di andare incontro ad un vero e proprio “lockdown energetico” di conseguenza non è difficile pensare che un’inflazione galoppante non contribuisca a creare un mix socialmente esplosivo.

 

Il caso dell’elettorato italiano:

Vivere in condizioni d’incertezza prolungata o apparentemente incurabile pronostica due sensazioni analogamente umilianti: quella dell’ignoranza e quella dell’impotenza. (Bauman/Dessel 2021)

 Entrambe le condizioni sono umilianti, soprattutto all’interno di una società altamente individualizzata, sentirsi inadeguati ha dei riflessi negativi sulla propria autostima e rappresenta un duro colpo alla propria dignità personale.

Non è un caso, un numero crescente di persone non arriva più a fine mese, per colpa dei costi energetici ed il conseguente aumento sproporzionato dei prezzi di prima necessità. La categoria del precariato esistenziale è in aumento e non accenna a diminuire.

 

 

La risposta politica:

Da sempre abili a comprendere i mutamenti dell’umore pubblico italiano le forze politiche in campo hanno scelto di tesaurizzare a loro beneficio insicurezza esistenziale presente nell’elettorato italiano.

In che modo:

I politici generalmente sfruttano a loro vantaggio le contingenti precarietà, il caso emblematico è quello dell’immigrazione, invece di ammettere la vera causa dell’incertezza (guerra, fame, cambiamenti climatici, ecc.), che non hanno la capacità o la volontà di combattere, preferiscono convincere elettorato che le politiche migratorie possono essere gestite – con blocchi navali oppure peggio deportando gli indesiderati fuori dai propri confini -.

L’elettorato italico, ancora una volta rischia di perdersi di fronte ai numerosi stimoli a cui inconsapevolmente è sottomesso, l’esposizione emozionale delle società ipertecnologiche amplificano ignoranza (non sapere che cosa riserverà il futuro) e l’impotenza (essere incapaci di esercitare un’influenza sul corso della propria vita)

 

Non a caso gli indizi in questi giorni si moltiplicano e ci portano a dire – Sempre più persone cederebbero di buon grado parte della loro libertà pur di emanciparsi dallo spettro orrifico dell’insicurezza esistenziale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here