Proyecto Flamenco, Errantes in concerto sabato 7 al Teatro del Giullare.

errantes1-212x300Primo appuntamento musicale della Stagione 2014/2015 al Piccolo Teatro del Giullare.
Sabato 7 marzo, ore 21, concerto del gruppo ERRANTES con “PROYECTO FLAMENCO“.

Ingresso: 10 euro
Info: 334.7686331 | 089.220261 | www.compagniadelgiullare.it

ERRANTES:
Fabio Notari: Chitarra
Maria Pia Del Giorno: Voce
Pasquale Di Lascio: Percussioni

Fabio Notari si è diplomato all’Università della Musica a Roma in chitarra moderna e poi chitarra Jazz , continuando la sua formazione nello studio della chitarra flamenco con il Maestro Corrado Cordova, chitarrista dell’orchestra italiana di Renzo Arbore ed Eddy Napoli.
Maria Pia Del Giorno , cantante dalla voce potente e sanguigna, maestra nel toccare tutti gli stili musicali dal soul al jazz , alla musica popolare e le loro molteplici fusioni, ha al suo attivo un lungo percorso professionale con formazioni Jazz, Blues, Folk italiane e internazionali.
Pasquale Di Lascio è un talentuoso percussionista, già fattosi notare al Conservatorio all’età di 14 anni per il suo estro innato.

“PROYECTO FLAMENCO”:
E’ un viaggio tra le contaminazioni e le influenze reciproche che hanno caratterizzato i cambiamenti del linguaggio musicale della canzone popolare napoletana e quella del flamenco ancorato nell’Andalusia ma diffusissimo in tutto il mondo. Un viaggio che parte dal cuore di Napoli viscerale, tocca la passione della cultura Andalusa e giunge alla sensualità dell’anima del popolo sud americano. Una full immersion in una atmosfera calda di palpitanti passioni con un universo polisemico capace di parlare direttamente al cuore e alla pancia. Le musiche (composizioni originali e arrangiamenti del gruppo Errantes) rappresentano l’essenza di una contaminazione che sfoglia pagine antiche e le veste di nuovo, dando vita a sonorità originali ma sempre nel rispetto della tradizione. E’ così che “Scalinatella” diventa la musa che ispira la pasiòn flamenco, che “Reginella” ricrea l’atmosfera delle milonghe argentine, che la “Bamba” irrompe con tutta l’energia di una vera e propria “juerga flamenca”, facendo così esplodere suggestioni che attingono ad un corpus compatto di tradizioni.