Piano di Zona S1, Canfora: momento di profonda riflessione.

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko

IMAGE_FILE_101683“Le vicende legate al Piano di Zona S1 di cui quotidianamente si occupa la stampa locale – afferma il Presidente della Provincia, Giuseppe Canfora – meritano una profonda riflessione”.

Così il presidente Canfora risponde alla richiesta da parte delle organizzazioni sindacali di categoria e, in particolare, dalla CGIL Salerno, di un suo intervento risolutivo su quanto sta accadendo al Piano di Zona S1.

“Recriminazioni politiche e sindacali – continua Canfora – , presunte illegittimità procedurali nella scelta di fornitori di servizi e nella scelta di collaboratori, richieste di accesso agli atti rimaste inevase, denotano una mancanza di sana e doverosa interlocuzione di chi governa il Piano S1 sia con le istituzioni interessate che con la comunità dei fruitori di servizi, nonché un comportamento lesivo dei più elementari doveri di buona e corretta amministrazione. Per questo accolgo immediatamente l’invito che mi è stato rivolto dalle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL per un confronto che analizzi l’intero ciclo di organizzazione dei servizi, a partire dalla programmazione alle modalità di erogazione, al fine di ripristinare la correttezza e la legalità in quell’ambito e di migliorare il più possibile la prestazione dei servizi per i cittadini”.