Nove Club Rotary e sei Club Rotaract, insieme, per il “Progetto rIsCATTo” all’Istituto a Custodia Attenuata I.C.ATT di Eboli.

Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia

Grazie ai Club Rotary e Rotaract dell’Area Salernitana 46 persone recluse all’I.C.ATT di Eboli, l’Istituto a Custodia Attenuata per il Trattamento delle Tossicodipendenze e Alcol dipendenze, diretto dalla dottoressa Concetta Felaco, avranno la possibilità di  rimettersi in gioco partecipando alla creazione di una rappresentazione teatrale e ad un percorso di formazione che consentirà loro di acquisire delle professionalità utili per reinserirsi nel mondo del lavoro, una volta scontata la pena detentiva. “I reclusi, che hanno un’età compresa tra i  22  e i 55 anni, parteciperanno a 33 incontri che avranno la durata di  tre ore affiancati da tutor che insegneranno loro, all’interno dell’Istituto di custodia,  come si fa il tecnico delle luci, lo scenografo e altro, in modo da acquisire una manualità e una professionalità da poter spendere nel mondo del lavoro“ –  ha spiegato il responsabile del progetto, il Formatore di Area Gaetano Pastore, rivolto ai tanti soci rotariani presenti, martedì sera,  nella grande sala del Comune di Battipaglia:” Voi siete le sentinelle di questo progetto” ha spiegato l’avvocato Pastore che ha anche annunciato che nel mese di maggio inizieranno le rappresentazioni del lavoro teatrale realizzato:” Il teatro dell’ICATT di Eboli ha cento posti e contiamo di organizzare otto rappresentazioni per raccogliere fondi destinati al progetto. Il 18 febbraio, nella sede del Comune di Eboli, organizzeremo anche un convegno che tratterà del reinserimento dei detenuti, al quale parteciperanno come relatori: la dottoressa Monica Faiella, il dottor Marco Dell’Acqua, il professor Antonino Sessa, il Comandante dei Carabinieri di Eboli Grazia Gentilini e il Past Governor Luciano Lucania”.

Dopo i saluti della Vice Sindaca del Comune di Battipaglia, la dottoressa Gabriella Catarozzo, che ha portato i saluti della Sindaca Cecilia Francese, e sottolineato l’importanza di creare una sinergia collaborativa tra istituzioni e associazioni, è intervenuto il dottor Carlo Crudele, Vice Presidente della “BCC Campania Centro”, presieduta dal dottor Camillo Catarozzo, che sostiene l’iniziativa: “Siamo entusiasti di affiancarvi in questo progetto”. Il presidente del “Rotary Club di Battipaglia” Carlo Tomeo, con tutti i soci del Club, ha immediatamente aderito all’iniziativa: “Questo è uno di quei progetti del Rotary che mi fa sentire orgoglioso di essere un rotariano”. La dottoressa Monica Faiella, Responsabile dell’Area Educativa dell’ICATT, ha spiegato che gli utenti dell’istituto sono inseriti in percorsi di reinserimento sociale e di riabilitazione:” Sono impegnati in attività lavorative interne, come quelle in cucina, la cura del giardino e degli spazi comuni.  Seguono anche corsi di formazione professionale di pasticceria, panificazione e fanno anche parte dei gruppi psicoterapeutici del servizio tossicodipendenti dell’ASL”. Il regista teatrale e attore Marco Dell’Acqua, curatore del laboratorio teatrale, ha spiegato che il progetto ha l’obiettivo di produrre, prima di tutto, teatro:” Si tratta di un percorso di formazione per attori di prosa che si chiuderà agli inizi di maggio con un precipitato scenico nel quale gli attori saranno anche gli autori del testo. Stiamo cercando di rieducare il corpo dei partecipanti al laboratorio a stare nello spazio con gli altri. Il teatro è magico perché riesce a dare la possibilità di frequentare quelle attitudini indispensabili per capire che il tuo valore viene fuori nel momento in cui riconosci e rispetti quello dell’altro. Il teatro è un’assemblea laica in cui spettatori e attori s’incontrano e da questo incontro nasce una riflessione critica sulla nostra società”. Marco Dell’Acqua ha spiegato l’importanza di occuparsi delle fragilità, delle marginalità delle persone:” Noi “normaloidi” viviamo una condizione più fortunata, dove l’errore non ci ha destinati ad un periodo di riflessione obbligata in un luogo di detenzione dove ho un momento di pausa in cui posso ridefinire ciò che mi ha portato fuori strada, ciò che mi ha portato a dimenticarmi di me stesso perché mi sono dimenticato degli altri. Il teatro è una sperimentazione sulla libertà di sentirsi umani ed è capace di mettere al centro l’altro da sé, a riconoscere l’atro che diventa   determinante, diventa nutrimento, soggetto da proteggere, ed io ritorno ad essere cittadino di una comunità: mi recupero, mi riabilito e non vengo riabilitato da qualcun altro”. Il Formatore Distrettuale Michelangelo Riemma, ha ricordato il motto internazionale del Rotary” Creiamo speranza nel mondo”:” Siamo i rotariani che agiscono, programmano e realizzano un progetto: tutti insieme siamo riusciti a creare speranza in questo territorio. Il Rotary c’è! Fa un’azione di “rIsCATTo” per la società”.   Il Governatore del “Distretto Rotary 2101”, il dottor Ugo Oliviero, ha spiegato che il progetto rientra in quella che è la mission del Rotary:” Che ritiene la diversità, l’equità e l’inclusione elementi sostanziali dei principi che il Rotary porta avanti. Riteniamo che questa iniziativa possa aiutare queste persone, che sono in un regime di detenzione attenuata, a rientrare attraverso l’arte, la cultura, nella società civile e a riacquistare la propria integrità”. I Club  Rotary e Rotaract che prendono parte al progetto sono: “Rotary Club Salerno” (presidente Umberto Maria Cioffi), “Rotary Club Salerno Est” (presidente Camillo De Felice), “Rotary Club Salerno Duomo” (presidente Sabato Cuozzo), “Rotary Club Salerno Picentia” (presidente Vincenzo Capuano), “Rotary Club Salerno Nord dei Due Principati” (presidente Antonino Sessa), “Rotary Club Cava De’ Tirreni” (presidente Ugo Sorrentino), “Rotary Club Amalfi – Costiera Amalfitana” (Presidente Ulisse Di Palma), “Rotary Club Battipaglia” (presidente Carlo Tomeo), “Rotary Club Eboli” (presidente Francesca Spera), “Rotary Club Roccadaspide” (presidente Mario Manzo), “Rotaract Club Salerno” (Presidente Natalia Granito), “Rotaract Club Salerno Est” (presidente Carmen Tisci),  “Rotaract Club Salerno Duomo” (presidente Sergio Rosa) ,  “Rotaract Campus Salerno Nord dei Due Principati” (presidente Giusy Palmieri), “Rotaract Club Eboli” ( presidente  Giusi Sommantico), “Rotaract Club Battipaglia” (presidente Anna Maria Iodice).

Aniello Palumbo