Musica e danza dedicate a Garcia Lorca martedì 18 a Cava, apertura del Festival Le Corti dell'Arte.

0
103

Una “Noche flamenca” dedicata a Garcia Lorca, tra musica, poesia e danza, apre a Cava de’ Tirreni il ventottesimo festival Le Corti dell’Arte, martedì 18 agosto (ore 21), nella corte dell’ex mattatoio in via Caliri. Lo spettacolo, che inaugura anche la collaborazione con l’Università degli Studi di Salerno, impegnerà la compagnia Flamenco Fuente Ovejuna e sarà seguito da un buffet con specialità spagnole, su prenotazione, a cura del ristorante Dam (spettacolo e buffet 15 euro).

Prestigioso e diversificato il cartellone del festival organizzato dall’Accademia Jacopo Napoli e diretto da Felice Cavaliere, con la consulenza di Tiziana Silvestri, la conduzione di Eufemia Filoselli, il contributo del Comune e della Confesercenti di Cava de’ Tirreni, in programma fino al primo settembre nei suggestivi scenari delle locations storiche del borgo metelliano.

Sarà il chiostro dell’Abbazia Benedettina ad ospitare, venerdì 21, il recital della pianista Anna Kravtchenko (musiche di Chopin e Liszt), vincitrice del premio Busoni nel 1992 a soli 16 anni, applaudita in tutto il mondo. Alcune delle più indimenticabili colonne sonore del cinema internazionale saranno interpretate dalla tromba di Nello Salza, in quintetto per uno spettacolo che unirà le emozioni della musica a quelle delle immagini, grazie alle videoproiezioni curate da Rino Ferrara che accompagneranno le performances, il 24 nella corte dell’ex mattatoio.

Riflettori puntati sul coro spagnolo dell’Università di Alcalà, il 25 presso l’arciconfraternita del Purgatorio (ingresso libero). La serata seguente sarà dedicata al jazz, con l’esibizione della cantante Emilia Zamuner e del pianista Andrea Rea, il 26 a palazzo Salsano.

Il celebre direttore d’orchestra Bruno Aprea, stavolta in veste di autore, sarà alla mediateca Marte, il 27 agosto (ore 20), per un incontro sulla sua prima opera letteraria, “Filosolfeggiando” (Curcio Editore), presentato da Massimo Fargnoli e Massimo Bignardi, e moderato da Virginia Foderaro (ingresso libero). Il 28 l’originale progetto di Stefano Valanzuolo “Casa Mozart”, conversazione e divertissement musicale, animerà la corte di palazzo Gagliardi. In scena il violinista Alberto Maria Ruta, la violista Rossella Bertucci, i pianisti Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale, oltre allo stesso Valanzuolo in qualità di voce narrante.

Diverse corti dei palazzi del centro storico di Cava saranno contemporaneamente teatro di “Allegro Andante” (ingresso libero), il tradizionale happening musicale che, il 30 agosto, dalle ore 20.30 alle 22.30, porterà in scena molti degli oltre duecento giovani arrivati da tutti i continenti per partecipare ai Corsi internazionali di perfezionamento musicale dell’Accademia Jacopo Napoli, anch’essi alla ventottesima edizione, tenuti da docenti e concertisti di fama mondiale. I talenti delle masterclasses saranno protagonisti anche dei “Concerti aperitivo”, matinée musicali in programma domenica 23 e domenica 30 (ore 11.30) a palazzo di Città, e della rassegna “Corsi in Corti”, dal 17 al 31 agosto, presso la sala Brengola del complesso di Santa Maria del Rifugio (tutti ad ingresso libero).

Anche quest’anno la conclusione del festival è affidata ad una produzione lirica. Il 1° settembre il Social Tennis club farà da cornice a “L’Elisir d’amore” di Donizetti, con i solisti del Laboratorio lirico Jacopo Napoli e l’Orchestra del Conservatorio di Salerno diretta da Massimiliano Carlini.

I biglietti per gli eventi del festival (inizio ore 21, posto unico 8 euro) sono acquistabili in prevendita a Cava presso l’edicola “Al Borgo” (corso Umberto I, 81) e la caffetteria San Fransao (piazza San Francesco). Spettacolo + buffet del 18 agosto, 15 euro. Ad ingresso libero sono i “concerti aperitivo”, la rassegna “Corsi in Corti”, il concerto del coro di Alcalà (25 agosto), l’incontro con Bruno Aprea (27 agosto) e l’happening musicale del 30 agosto.

LASCIA UN COMMENTO