Nella vita ci vuole solo fortuna o anche strategia?

0
49

La fortuna aiuta gli audaci, recita un famoso modo di dire. Forse è vero, forse no, quel che è certo è che non basta la sola fortuna a decidere le sorti di una vita intera.

Oggigiorno, infatti, avere un’adeguata preparazione in tutti i campi, è sicuramente la maniera migliore per ottenere ciò che si desidera. Non è la fortuna a farci conseguire una laurea, non è la fortuna a farci svolgere il nostro mestiere nel modo corretto e non è la fortuna a farci raggiungere i traguardi che ci prefiggiamo.

Come fare, quindi, a portare a termine i propri obiettivi? Sicuramente serve del talento, che da solo non basta. Per raggiungere l’eccellenza bisogna, infatti, allenare quest’ultimo e prepararsi al fine di poter affrontare con tranquillità ogni situazione.

Oltre alla preparazione, vi è un ulteriore aspetto che differenzia una persona di successo da chi, invece, non ha sfruttato pienamente le proprie capacità: gli atteggiamenti. Se si desidera costruire qualcosa di importante nella vita, godendo anche del favore della dea bendata, attuare precise strategie, partendo dell’osservare e prestare attenzione ai comportamenti dei migliori, studiarli e comprendere tecniche e segreti.

In ogni ambito della vita, sportivo, lavorativo o privato, è necessario mettersi in discussione, provare a capire dove si è sbagliato e tentare di evitare di farlo nuovamente.

Avere talento ma non saperlo sfruttare, non fare sacrifici e non impegnarsi significa, dunque, essere mediocri, respingere che in molti hanno fatto per realizzarsi e, soprattutto, nutrire una profonda invidia verso chi sta meglio. Proprio l’invidia è quanto di più da evitare se si vuole cercare di ottenere qualcosa di buono. Ecco perché è fondamentale comprendere sin da subito che, per raccogliere risultati importanti, è necessario non basarsi interamente sulla fortuna, ma, al contrario, sviluppare una strategia vincente che comprenda un profondo studio e la costante ricerca di migliorare se stessi.

Successo professionale: fortuna o strategia

Se, come anticipato nel paragrafo introduttivo, il successo fosse solamente una mera questione di fortuna, con molta probabilità sarebbero moltissimi i grandi professionisti che, al giorno d’oggi, non sarebbero esistiti.

A partire dall’età rinascimentale, passando per la rivoluzione industriale e fino al secolo scorso, la fortuna è stata qualcosa da padroneggiare e controllare, ma non di fondamentale rilevanza nel raggiungere determinati obiettivi.

Il concetto appena riportato venne catturato anche da Ralph Waldo Emerson, il quale scrisse che gli uomini deboli credono nella fortuna, mentre quelli forti nella causa e nell’effetto.

Proprio il filosofo statunitense è stato tra i primi a teorizzare un’etica individuale basata sulla fiducia in se stessi.

Cosa insegna tutto ciò? A non lamentarsi e, nel minor tempo possibile, ad agire. Avere successo nel mondo del lavoro significa, infatti, possedere la capacità di superare i momenti no evitando di commettere gli stessi errori. Qualità come la resilienza permettono di raggiungere risultati davvero importanti e di perseverare fino al raggiungimento dell’obiettivo. Ecco perché, oltre ad avere fortuna, occorre mantenere un atteggiamento positivo, ottimista e coraggioso, saper lavorare in gruppo e, soprattutto, avere la capacità di rialzarsi in seguito a un errore.

Fondamentale nel mondo lavorativo è anche la comunicazione, la cui strategia dovrà essere sviluppata in maniera tale da risultare efficace evitando, però, di contrastare le opinioni degli altri con arroganza. Spazio, quindi, alla massima chiarezza, all’onestà, alla fiducia e al rispetto reciproco.

Grazie a una comunicazione sicura e assertiva sarà, dunque, possibile sviluppare un rapporto lavorativo idilliaco, in quanto questa permetterà di dire di no evitando fastidiosi sentirsi in colpa, di avere in testa obiettivi chiari e realizzabili, di saper ascoltare attivamente i propri interlocutori, di assumersi le proprie responsabilità, di ammettere i propri errori, di accettare ogni critica e, infine, di avanzare richieste con maggiore sicurezza.

Gioco: solo fortuna o anche strategia 

Quante volte, davanti a una roulette, abbiamo sperato che uscisse rosso piuttosto che nero. Il gioco d’azzardo è, infatti, ancora caratterizzato da un antico dibattito: fortuna o strategia?

Nonostante i professionisti del gioco e i più esperti conoscano l’importanza della fortuna, questi sanno anche che al tavolo verde è e necessario attuare una buona strategia.

Slot machine e roulette, due giochi simbolo dei casinò internazionali, vengono considerate, erroneamente, attività nella quale contare solo ed esclusivamente nella fortuna. In realtà, per vincere in giochi come questi occorre considerare alcuni importanti aspetti.

Nelle slot, per esempio, è necessario studiare le probabilità di vincita di ogni macchinetta e, in base a ciò, selezionare quelle con un payback elevato. Discorso differente quello che, invece, riguarda la roulette. Questo amatissimo gioco si basa, infatti, sulla perseveranza. In tal senso, il consiglio è quello di non abbandonare mai i propri numeri e insistere anche a costo di qualche sconfitta.

Una strategia efficace può essere applicata anche nel BlackJack, gioco di carte in cui la tecnica utilizzata fa davvero la differenza. Conoscere in quale modo giocare correttamente un soft 17, saper individuare gli assi e contare le carte, al contrario di quanto si pensi pratica non illegale, rappresentano tutti metodi efficaci per vincere, o meglio, per far sì che la ruota della fortuna giri verso di noi.

 

Altrettanto importante è la strategia, o meglio il consiglio, che incoraggia a scegliere un avversario adeguato. Evitare di perdere denaro significa, dunque, conoscere il proprio livello e, in base a questo, selezionare un avversario che possa essere facilmente battuto.

 

In conclusione è possibile, quindi, affermare che, anche nel gioco, la fortuna è considerata l’elemento di maggiore rilevanza. Nulla di più sbagliato, la fortuna del principiante capita a tutti, ma alla lunga l’unico modo per vincere è attuare una strategia vincente.

 

Per quanto riguarda l’amore

Gli stessi discorsi fatti in precedenza possono essere applicati anche alla sfera sentimentale. Con in ogni cosa, per conquistare il proprio partner ideale la fortuna potrebbe rivelarsi molto importante, ma le probabilità che questa ci aiuti diminuiscono in maniera drastica senza una corretta strategia.

 

Avere un piano d’azione, conoscere i gusti della persona desiderata, saper ascoltare, condividere i suoi interessi e comprendere i suoi stati d’animo rappresentano, per esempio, ottimi punti di partenza su cui poter costruire una relazione.

 

Certo, capita che anche sviluppando un’articolata strategia non si riesca a ottenere il risultato sperato. In tal caso, un rifiuto potrebbe servire per il futuro, perché, proprio come fanno i vincenti, occorre imparare dai propri errori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here