Architetti e Ingegneri, due giorni di studio sul waterfront di Salerno, lunedì 8 e martedì 9 al Masuccio Salernitano.

0
48

masuccioIl nuovo waterfront di Salerno: quante e quali soluzioni ingegneristiche, urbanistiche e architettoniche si possono immaginare per renderlo più bello e funzionale, con particolare attenzione ai punti di accoglienza delle imbarcazioni da diporto? E’ la domanda che sta alla base di “Specchi d’Acqua”, un workshop diretto alla promozione del turismo costiero attraverso il miglioramento qualitativo dell’offerta, in programma lunedì 8 e martedì 9 giugno dalle 9 alle 18 al porto Masuccio Salernitano.

L’iniziativa – che nasce dalla forte intesa tra la Presidente dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della provincia di Salerno Maria Gabriella Alfano, il Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno Michele Brigante, il numero uno della Lega Navale Italiana – sezione di Salerno, l’ingegnere Fabrizio Marotta, e la sua vice, architetto Emilia Smeraldo – è diretta ad architetti, ingegneri, studenti laureandi in architettura e ingegneria, designer.

Ai partecipanti verrà chiesto di costruire proposte progettuali sulla riqualificazione del fronte di mare del capoluogo, con particolare riferimento alle strutture portuali, e progetti inerenti le strutture di accoglienza degli approdi. Potranno essere proposti anche elementi di arredo delle barche, atti a rendere più confortevole la vita di bordo. Le proposte che saranno elaborate nel workshop costituiranno un utile bagaglio di idee per gli interventi da realizzare, per promuovere lo sviluppo sostenibile del sistema costiero e del turismo nautico.

Il workshop gode del patrocinio del Comune di Salerno, dell’Università degli Studi di Salerno, del Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II di Napoli, del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della S.U.N., della Soprintendenza BAP, dell’ANCI, della Camera di Commercio di Salerno, di Confindustria Salerno, dell’Autorità Portuale di Salerno, dell’ANCE, del Consiglio Nazionale degli Architetti, del Consiglio Nazionale degli Ingegneri e di Legambiente Campania.

Si svolgerà negli spazi in concessione della Lega Navale Italiana sezione di Salerno nel porto Masuccio Salernitano, antistante Piazza della Concordia, dove saranno allestite le postazioni di lavoro. In tale spazio sarà servito anche il lunch break di metà giornata e si svolgeranno le tavole rotonde e la proiezioni delle proposte sviluppate. Ciascun partecipante sarà libero di scegliere la tecnica atta ad esprimere le proprie idee ( schizzi a matita, fotomontaggi, plastici da realizzarsi con materiali poveri, ecc.).

La prima giornata prevede una escursione in barca a vela o a motore, a cura della Lega Navale, che permetterà di conoscere il sistema della portualità della città di Salerno, utile alla individuazione dell’area o del tema oggetto della proposta. La seconda giornata sarà dedicata all’elaborazione progettuale. Il workshop si concluderà con la consegna degli elaborati che saranno esposti in modo estemporaneo alla visione della cittadinanza . I tutor del workshop saranno il professore Enrico Sicignano dell’Università di Salerno, gli architetti Donato Cerone, Nicola Pellegrino (Consigliere e Tesoriere dell’Ordine), e Lorenzo Capobianco (Università di Napoli), gli ingegneri Annapaola Fortunato (Consigliere dell’Ordine delegato all’Ingegneria marittima), Eugenio Pugliese Carratelli (Ordinario di Costruzioni marittime Unisa) ed Elisabetta Romano (Membro della Commissione Marittima nel Consiglio Nazionale Ingegneri).

La premiazione dei migliori elaborati avverrà mercoledì 10 giugno alle ore 19 presso la Lega Navale, nel corso della cerimonia alla quale sono stati invitati a prendere parte il sindaco di Salerno Enzo Napoli, il presidente dell’Autorità portuale Andrea Annunziata, quello della Camera di Commercio Guido Arzano, i vertici degli altri enti patrocinanti.
“L’occasione è importante – ha detto la Presidente dell’Ordine degli Architetti Maria Gabriella Alfano – soprattutto perché, trattando un argomento che in futuro sarà centrale nello sviluppo dell’economia della città, l’Ordine e i professionisti salernitani apriranno alla collaborazione con gli altri saperi, con le istituzioni e con la cittadinanza”.
“Si tratta di un’iniziativa originale, interessante e innovativa – ha detto il Presidente dell’Ordine degli Ingegneri Michele Brigante – Gli ingegneri parteciperanno volentieri a un evento che ha anche una importante funzione sperimentale”.

LASCIA UN COMMENTO