Istat, commercio estero, a giugno importazioni +8,6%, esportazioni -1,5% su mese, saldo commerciale -2.815 milioni.

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace

A giugno 2022 si stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue27, un forte aumento congiunturale per le importazioni (+8,6%) e una lieve flessione per le esportazioni (-1,5%).

La diminuzione su base mensile dell’export è dovuta soprattutto al calo delle vendite di beni strumentali (-6,3%); risultano in calo anche le esportazioni di beni intermedi e beni di consumo durevoli (per entrambi, -1,7%), mentre aumentano, con intensità molto diverse, quelle di energia (+16,2%) e beni di consumo non durevoli (+0,4%). Dal lato dell’import, l’aumento congiunturale è determinato principalmente dai maggiori acquisti di energia (+15,3%) e beni strumentali (+10,1%). Diminuiscono le importazioni di beni di consumo durevoli (-1,0%).

Nel secondo trimestre, rispetto al trimestre precedente, l’export cresce del 6,8%; l’aumento, diffuso a tutti i raggruppamenti, è molto sostenuto per energia (+64,8%). Nello stesso periodo, l’import segna un rialzo congiunturale del 15,0%, cui contribuisce per due terzi il forte aumento degli acquisti di energia (+30,8%).

A giugno 2022, l’export cresce su base annua del 21,0% (era +26,1% a maggio). L’aumento, generalizzato, è particolarmente accentuato per energia (+147,6%). L’import registra una crescita su base annua molto più intensa (+73,7%), anch’essa estesa a tutti i raggruppamenti e notevolmente elevata per energia (+215,1%).

A giugno 2022 il disavanzo commerciale con i paesi extra Ue è pari a 2.815 milioni, a fronte di un avanzo di 4.802 milioni dello stesso mese del 2021. Il deficit energetico raggiunge i 9.080 milioni (era pari a 2.727 milioni un anno prima). L’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici, seppur ampio, si riduce: da 7.529 milioni per giugno 2021 a 6.265 milioni per giugno 2022.

A giugno 2022 si rilevano aumenti su base annua dell’export verso quasi tutti i principali paesi partner extra Ue27; i più ampi riguardano Turchia (+87,4%), paesi OPEC (+41,7%) e Stati Uniti (+25,3%). Le vendite verso la Russia (-19,1%) si confermano in decisa flessione.

Gli acquisti da India (+129,3%), Russia (+120,0%), paesi OPEC (+93,5%) e Cina (+85,5%) registrano incrementi tendenziali molto più ampi della media delle importazioni dai paesi extra Ue27.


Il commento

Dopo gli aumenti dei cinque mesi precedenti, a giugno 2022 si registra un lieve calo congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue, che risulta comunque condizionato da operazioni occasionali di elevato impatto (cantieristica navale) registrate a maggio, al netto delle quali il calo si riduce a un modesto -0,1%. Nel secondo trimestre, la dinamica congiunturale è molto positiva.
Su base annua, la crescita delle esportazioni resta molto sostenuta, sebbene in rallentamento, ed è spiegata per circa un terzo dalle maggiori vendite di beni di consumo non durevoli. In ulteriore accelerazione la crescità dell’import cui contribuisce per quasi due terzi l’aumento degli acquisti di prodotti energetici.
Il deficit energetico si amplia e supera nei primi sei mesi dell’anno i 48 miliardi; nello stesso periodo il deficit commerciale raggiunge i 12 miliardi, a fronte di un avanzo di oltre 25 miliardi dei primi sei mesi del 2021.