“FESTA DEGLI AUGURI” DEL “CLUB INNER WHEEL SALERNO CARF”

0
886
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture

 “Lo spirito innerino è soprattutto spirito di amicizia, di  solidarietà;  è condividere  i problemi della città, della gente: a loro cerchiamo di  offrire delle opportunità di aiuto” .  A ricordare  i valori che racchiudono l’essenza dell’essere innerine, è stata la dottoressa Milly Marino De Angelis, presidente del “Club Inner Wheel Salerno Carf”, durante la tradizionale “Festa degli Auguri” che si è svolta presso la sede del “Circolo Canottieri Irno” di Salerno, nel rispetto delle  normative anti Covid – 19:” Quest’anno, che abbiamo potuto riunirci in presenza, abbiamo deciso di  scambiarci gli auguri di Natale con un semplice brindisi, ascoltando la musica eseguita al piano dal  Maestro Valentino Senatore”,  ha spiegato la Presidente  che ha tracciato un bilancio delle attività intraprese nel corso della  prima parte dell’anno sociale:” Abbiamo organizzato varie iniziative per raccogliere fondi a favore dei più bisognosi: con  la  serata di solidarietà “Musica sotto le stelle”,  organizzata sulla terrazza del “Circolo Canottieri Irno”, insieme al  “Club Inner Wheel Salerno Est” (Presidente Rosa Lupo),  “Rotary Club Salerno 1949” (Presidente Maria Rosaria Lombardi),  “Rotary Club Salerno Est” (Presidente Marilena Montera),  “Rotary Club Salerno Nord dei Due Principati” (Presidente Antonella Cocurullo), “Rotary Club Salerno Duomo” (Presidente Vincenzo Abate), e  “Rotary Club Salerno Picentia” (Presidente Raffaele Napoli), abbiamo raccolto fondi a favore della mensa di “Casa Nazareth”, di competenza della “Parrocchia del Gesù  Redentore” guidata da Don Ciro Torre,  nella Zona Orientale di Salerno, e per  la casa famiglia di Quelimane in Mozambico, co – fondata dal compianto socio rotariano Piergiorgio Turco, medico missionario, ora seguita da Padre Aldo Marchesino al quale il figlio del dottor Turco, il socio rotariano  Gianpaolo, trasferirà  i fondi raccolti.  Con l’aiuto della socia Lina Coppola, abbiamo organizzato un burraco di solidarietà. per raccogliere fondi a favore di una casa famiglia di Salerno, nata da poco, che si chiama “Rebirth”, in italiano “Rinascita”, che ha la sua sede in Via  Vinciprova dove  , con l’aiuto della volontaria Anna Laura Esposito, vengono accolte famiglie bisognose e  minori disagiati : un progetto che sta seguendo con grande impegno  la commissione  presieduta dalla socia Patrizia  Fasano Colucci che ha già consegnato un forno a microonde  e vario altro materiale di cui avevano bisogno in questo periodo.  Abbiamo anche raccolto fondi  per aiutare   a tornare a casa il   venditore di palloncini extracomunitario  che con il suo carretto gira  all’altezza della spiaggia di Santa Teresa, che non vede la sua famiglia da dieci anni”.

La dottoressa Marino ha anche  presentato i progetti che saranno attivati nei  prossimi mesi:” Saranno dedicati anche all’ empowerment delle donne , all’imprenditoria femminile. Altri progetti li dedicheremo all’ambiente prevedendo la piantumazione di alcuni alberi nel giardino di una scuola salernitana. Stiamo avviando anche un progetto dedicato alle esigenze delle donne anziane e un altro, coordinato da un gruppo di lavoro capitanato dalla socia Luisa Pellegrino Marinato,  dedicato al restauro della statua in marmo  della Madonna  installata sul Molo Manfredi del Porto di Salerno”.  Prima di consegnare i fondi raccolti al dottor Gianpaolo Turco e al delegato di Don Ciro Torre, il dottor Alberto Serretiello, che hanno ringraziato per il grande atto d’amore offerto da tutte le socie dell’Inner Wheel e dai soci del  Rotary, a  leggere la bellissima e intensa preghiera dell’Inner Wheel è stata la socia Elena Ambrosio Piano. Presenti i presidenti dei Club Rotariani e Innerini e la Past Governatrice del Distretto Inner Wheel 210, la dottoressa Maria Andria Pietrofeso. Durante la serata sono state vendute le “Stelle di Natale AIL” grazie alla volontaria Fiorangela Giugliano. (Pubblicato su “Il Quotidiano del Sud” edizione di Salerno).

Aniello Palumbo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here