Dolo o inefficienza? Non si può buttare cibo in ogni caso

Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

imagesMa si può per il rispetto delle abitudini alimentari di alcuni individui buttare del cibo?
Non sarebbe più efficiente cercare di sapere prima cosa possono o meno mangiare i profughi che sbarcano sulle nostre coste?
Rispetto per la dignità e religione degli altri popoli ma perchè in un momento di crisi così profonda si sprecano fondi pubblici e cibo? 1/3 dei bambini del III mondo muore di fame e non meno delicata è la situazione qui in Italia. Sempre più famiglie sono in stato di indigenza
Un forte vespaio ha scatenato il ritrovamento di pasti mai consumati nelle pattumiere nei pressi del Centro di accoglienza a Ragusa. Pagine di giornali per trovare una motivazione che non fosse la stupidità o il facile lucro.

Per cercare di trovare il filo della matassa il prefetto di Ragusa ha inviato una nota al sindaco e all’Azienda sanitaria provinciale di Ragusa per avere spiegazioni sul fatto,
A quanto si apprende da alcune indiscrezioni lo spreco potrebbe dipendere da un incrocio tra le abitudini alimentari degli immigrati
e carenze organizzative del Centro di accolgienza. Infatti secondo la convenzione stipulata tra Prefettura e Comune che prevede il rispetto
delle tradizioni religiose e una scelta di alimenti non in contrasto con i principi e le abitudini alimentari degli ospiti nella somministrazione dei cibi qualcosa è andato storto.
Di questa situazione se ne è fatto carico don Beniamino Sacco, il prete di frontiera che aveva annunciato di voler devolvere il 10% del finanziamento per accogliere gli immigrati alle famiglie italiane bisognose.
Quindi secondo il prete è necessario cpaire come mai dopo 40 anni si sbarchi ancora oggi ci sia questa sciattoneria nell’uso di fonti pubblici