Cure ai deceduti, Tommasetti: “In Campania affari sulla pelle dei deboli”.

Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko

Cure ai deceduti, un business sulla pelle di chi soffre”. Non usa mezzi termini Aurelio Tommasetti, consigliere regionale della Campania della Lega, sugli ultimi casi accertati di servizi di riabilitazione pagati a degenti che erano morti già da mesi nell’ambito dell’Asl Salerno.

Apprendiamo dagli organi di stampa che dalle ultime verifiche sarebbero emersi almeno altri dieci casi, con un’impennata allarmante a Battipaglia e nella zona della Piana del Sele. Si tratta di pazienti a domicilio oppure ricoverati nelle Rsa e sarebbe coinvolta, in particolare, una struttura riabilitativa del nostro territorio”. Come osserva il consigliere regionale, a destare scalpore è il lasso di tempo trascorso da alcuni dei casi accertati. “Non ci lascia tranquilli il fatto che siano necessari mesi o persino anni prima di risalire a questi episodi. Possibile che l’Asl stia aprendo gli occhi soltanto adesso? Abbiamo ormai notizia di decine di pazienti già deceduti per i quali sono state liquidate somme importanti ai centri convenzionati, addirittura documenti che quegli stessi pazienti avrebbero firmato mesi dopo la morte”.

Tommasetti chiude con un appello alla magistratura: “Si faccia chiarezza prima possibile per restituire dignità ai fragili che hanno realmente bisogno di cure. È necessaria poi una riflessione sul “buco” economico creato da questo scandalo, nonché sulla gestione delle strutture convenzionate, premiando chi si dedica al bene degli altri e non chi utilizza i centri come un bancomat. Ma in Campania, da anni, ormai sanità e business sembrano andare di pari passo”.