Condannati per diffamazione gli accusatori di don Marcello Stanzione.

Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Il Tribunale di Salerno, in persona del giudice dott. Giocoli, all’udienza del 29 gennaio 2019, ha condannato i sigg.ri Francioni Daniele e Mucciolo Katia alla pena di 2 mesi di reclusione ciascuno.

Il Giudice salernitano ha, inoltre, condannato gli imputati, oltre che alle spese legali, al risarcimento dei danni (stabiliti in € 10.000) in favore di don Marcello Stanzione, che si era costituito parte civile nel processo ed era difeso dal penalista irpino Avv. Almerigo Pantalone.

Termina così, almeno per il primo grado, una vicenda giudiziaria che nasceva da una dettaglia denuncia presentata da don Marcello Stanzione, a seguito di una pesante e sistematica campagna di diffamazione pubblica e giornalistica tesa a screditare la sua persona e la sua figura di sacerdote.

In attesa del deposito delle motivazioni della sentenza, appare, però, certo che don Marcello fu vittima di un’aggressione giornalistica senza precedenti fondata su “fatti” che, con la sentenza di ieri, si sono dimostrati palesemente falsi, diffamatori e calunniosi.

Nel frattempo, don Marcello ha continuato nella sua continua ed instancabile attività sacerdotale sempre al fianco dei bisognosi e dei suoi tanti fedeli che non gli hanno mai fatto mancare il loro sostegno.