Comitati delle Due Sicilie – Salerno aderisce al SI referendum contro Trivelle.

Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com

 

loccccPICL’associazione culturale “Comitati delle Due Sicilie” aderisce alla campagna referendaria, in vista del 17 aprile, in appoggio alle ragioni del SI per fermare la trivellazione nei nostri mari con in programma volantinaggi a supporto della causa.
“Come difensori dei nostri territori non potremmo mai sopportare uno scempio simile – afferma Guido D’Amore, coord.nazionale CDS-Giovani e responsabile Salerno – e il tema dei risvolti negativi dell’estrazione petrolifera non ci sono nuovi. In un recente passato già abbiamo organizzato dibattiti sul tema del decreto Sblocca-Italia che aveva nascosto al suo interno proprio l’aumento licenze di estrazione. La ricerca di fonti di energia dai fossili è una battaglia di retroguardia: come è noto nell’arco di pochi decenni tutto il petrolio mondiale è destinato a finire e i giacimenti italiani (tra petrolio e gas) avrebbero una durata inferiore a 6 mesi se sfruttati. A dispetto di un guadagno irrisorio, oltretutto nella quasi totalità nelle tasche delle multinazionali, avremmo danni ingenti per l’ambiente e forti ripercussioni per la fauna. Il turismo avrebbe un riscontro negativo e a catena l’economia locale. L’Italia – conclude D’Amore – dovrebbe puntare forte sulle energie rinnovabili, pulite con un impatto minore anche sul clima che al momento è in continuo riscaldamento.”