Ciclone Inter, Salernitana schiantata.

Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven

Una grande Inter spazza via quel che resta della Salernitana e consolida il primo posto in Serie A. Un 5-0 perentorio che non lascia dubbi su come si sia svolta la gara.

Una partita che partita in realtà non è mai stata. L’Inter di Simone Inzaghi demolisce 5-0 la Salernitana di Stefano Colantuono e consolida ancora di più il primo posto in classifica. A segno Perisic, Dumfries, Sanchez, Lautaro Martinez e Gagliardini. Partita dominata dall’inizio alla fine, padroni di casa che semplicemente non hanno armi per competere contro questa Inter. Certo, la loro lotta non è contro squadre del genere, ma la mancanza di soluzioni offensive e il cedimento difensivo del secondo tempo devono preoccupare non proprio una piazza già sull’orlo di esplodere per via delle note vicende societarie.

In questa prima frazione di gioco l’idea che si sono fatti tutti è una sola: Inter e Salernitana sono squadre che appartengono a categorie differenti. I nerazzurri sono messi benissimo in campo, hanno lasciato Lautaro Martinez in panchina in favore di Sanchez e tutto funziona a meraviglia. Si vedono proprio i giocatori che chiamano palla, si inseriscono, liberano spazi. Oggi l’Inter si sta divertendo eccome.

Divertendosi arrivano anche i gol, in pieno stile Simone Inzaghi. Il gol che sblocca la partita lo segna il croato Ivan Perisic di testa su un calcio d’angolo battuto da Hakan Calhanoglu. Si tratta del quinto assist del turco su palla inattiva in questa Serie A: nessun giocatore ha fatto meglio di lui nei maggiori cinque campionati europei nella stagione in corso.

Il raddoppio arriva al minuto 33 e porta la firma dell’esterno olandese Dumfries. Inizia l’azione Brozovic che cerca in profondità il bosniaco Edin Dzeko. Defilato sulla parte sinistra dell’area di rigore, l’ex Roma serve in mezzo un cioccolatino per Dumfries che la prende di caviglia (la palla rimbalza, ndr), colpisce la traversa e si insacca. Nel primo tempo c’è spazio anche per una bella parata di Handanovic e per un errore clamoroso di Dzeko, che sugli sviluppi da corner mette a lato il pallone con la porta completamente libera.

Per la prima volta nella sua storia in Serie A l’Inter ha segnato 100 gol in un singolo anno solare, superato infatti il suo record precedente (99 reti nel 1950). Anche la seconda frazione segue la falsariga della prima, con l’Inter in totale dominio e con la sensazione che sia poco più di un allenamento per la banda di Inzaghi.

Infatti i nerazzurri non ci mettono molto a trovare anche il gol del 3-0, con una bellissima azione corale in contropiede finalizzato da Alexis Sanchez. Proprio el Nino Maravilla inizia l’azione e serve Calhanoglu che in transizione serve Dzeko. Al limite dell’area il bosniaco la ridà a Calhanoglu che di prima serve Sanchez nell’area piccola, che con un dialogane preciso punisce il portiere e segna una fantastica rete.

Inter in totale controllo, con Handanovic che di fatto non si è mai sporcato i guanti dato che l’unica parata della partita è stata coi piedi. Esce Sanchez ed entra il Toro Lautaro Martinez, e proprio l’argentino trova subito il gol del 4-0: azione tutta di prima che porta Gagliardini a centro area, la difesa granata respinge, il pallone si ferma all’altezza del dischetto e Lautaro Martinez lo scarica con una bomba a fil di palo.

Nel finale arriva anche la manita nerazzzurra, con Roberto Gagliardini che iscrive il proprio nome a referto. Calhanoglu trova Vidal al limite dell’area, il cileno tenta il filtrante per Lautaro, Gagliolo ci mette una pezza ma Gagliardini piomba sulla sfera con il piattone e batte Fiorillo.

L’Inter ormai è in serie positiva da una vita e si candida a diventare il prossimo Campione d’Inverno. Dopo 18 partite i punti in classifica sono ben 43, + 4 dal Milan e + 6 dall’Atalanta. Prima della sosta ci sarà il Torino a San Siro.

Completamente opposta la situazione della Salernitana. Ultimissima in classifica con appena otto punti, si trova a – 2 da Cagliari e Genoa che la precedono. Prima della sosta ci sarà l’Udinese per provare a racimolare qualche punticino in ottica salvezza.

Colantuono prova a sperare nel mercato: “È andata in linea di massima come alle altre squadre che affrontano l’Inter in questo momento. Non è da queste partite che possiamo prendere spunto. Questi ragazzi hanno bisogno dell’aiuto di qualcun altro, non so se ci permetteranno di fare mercato. Nel caso ci riuscissimo, poi vedrà chi accetta una sfida come questa, è clamorosa. Però puoi andare a giocare con le altre con più efficacia. Bisogna raschiare dappertutto, ma il gap è molto evidente fra le big e quelle un po’ più piccole. Mi è capitato ai tempi di andare da una big e fare punti, ma ora la forbice è molto allargata”.

In curva è apparso uno striscione che invita il presidente Figc a prendere i provvedimenti annunciati: Gravina mantieni la promessa; Dilettanti, promozione o campi di periferia, la Salernitana per noi non ha categoria.