L'immigrazione in Italia tra diritti negati e percorsi di inclusione sociale

0
60

Favorire nei cittadini una maggiore consapevolezza del fenomeno immigrazione nel nostro Paese e sollecitare le istituzioni ad una maggiore attenzione verso i diritti degli “ultimi”.

Sono solo alcuni dei temi sui quali si discuterà Sabato 14 dicembre 2013, alle 15.30, nella Sala Don Tonino Bello della Parrocchia Gesù Redentore di Salerno, in occasione del convegno sul tema “L’immigrazione in Italia tra diritti negati  e percorsi di inclusione sociale”.

L’iniziativa, organizzata dallo Sportello salernitano di Avvocato di Strada onlus,  si avvale della collaborazione dell’associazione di solidarietà internazionale Rete Radié Resch. All’evento, realizzato nell’ambito del progetto “Diritti a sud”, finanziato dalla Fondazione con il Sud, parteciperà Alex Zanotelli, ispiratore e fondatore in Italia di diversi movimenti tesi a creare condizioni di pace e di giustizia solidale.

Hanno, inoltre, aderito al progetto l’OASI onlus di Salerno, PAX CHRISTI Punto Pace di Cava de’ Tirreni, Per Salerno Partecipazione Responsabile e VIS Pangea Salerno.

Di seguito il programma:

15.30:  Saluti e introduzione

15.50: Come violare i diritti degli immigrati: la Bossi-Fini.  Raffaele Massaro (avvocato di strada Salerno)

16.10: Clandestinità ed homelessness: i diritti calpestati degli “invisibili”. Claudia Pecoraro (avvocato di strada Salerno)

16.30:  Mettere fuorilegge i CIE.  Lucia Capriglione (Rete Radié Resch)

16.50: Dibattito

17.20: Segregare costa. Antonio Ardolino (curatore del rapporto sulla spesa per i “campi nomadi” )

17.40: Gli immigrati nel lavoro agricolo nella Piana del Sele. Gennaro Avallone (ricercatore di Sociologia – Università di Salerno)

18.00: Collocamento pubblico per la legalità contro il caporalato e lo sfruttamento. Anselmo Botte (segretario CGIL Salerno)

18.20: CONCLUSIONI: Gli Italiani, la Chiesa e il “Razzismo di Stato”. Alex Zanotelli (missionario comboniano)

19.00: Dibattito