Sulle tracce della fortuna, Talisman, la mostra di Pietro Loffredo approda a Berlino, inaugurazione venerdì 16.

Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia

Dopo il successo dell’installazione site specific al Castello d’Arechi di Salerno e al Giffoni Film Festival, “Talisman”, il viaggio sulle tracce della fortuna di Pietro Loffredo approda alla Aviatrix Atelier Gallery di Berlino.

La mostra, a cura della giornalista e critico d’arte Erminia Pellecchia, sarà inaugurata il 16 gennaio 2015 alle 19.

Amuleti e talismani, infallibili e indispensabili: credenze che vengono da lontano e con cui, sin dalla notte dei tempi, gli uomini ricorrono contro i rischi del vivere e le incognite della realtà.

Pietro Loffredo, nella sua ricerca artistica, si interroga da sempre sul rapporto dell’uomo con il mondo, le sue incertezze, ansie, insicurezze e su come ragione e superstizione si mescolano nella sua condizione di indeterminazione. Ecco allora i portafortuna, quei simboli familiari, riconoscibili, a cui ci aggrappiamo con la logica del “non è vero, ma ci credo” per combattere il rischio di vivere. L’artista napoletano interpreta il disagio e gioca allora a intessere le icone della buona sorte in una scenografia che abbraccia tutti i popoli e tutte le culture, mescolandole, contaminandole e trovando idealmente un punto di congiunzione.

Loffredo mette a confronto, in una antropologia del dialogo, il corno mediterraneo con il corvo nord-europeo, quei “Talisman” a cui si fa ricorso massiccio, sia pur clandestino, ancora oggi nella civiltà dell’hi-tech. Il corno, rosso, sinuoso, vitale e solare, simbolo apotropaico per eccellenza; il corvo, ambasciatore del grande vuoto che risiede oltre il tempo e lo spazio, custode dei grandi misteri e trasmettitore di energie: le installazioni e i grandi arazzi accompagneranno il visitatore, in un percorso introspettivo fino all’impatto con i cupi “guardiani delle coscienze”, malinconiche figure nere alate che rappresentano tutte le ingiustizie del mondo che ci circonda e che la fortuna, da sola, non potrà mai cambiare.

Ma forse, proprio seguendo la via tracciata dai “Talisman” si potrà provare a costruire la strada del cambiamento. Talismani come sonde da affondare nelle zone più oscure della realtà per cercare di controllare l’incontrollabile. Ma anche richiamo alla responsabilità e all’impegno civile di ciascuno di noi contro l’iniquità di un mondo che ha perso di vista i valori per inseguire irresponsabilmente il consumismo e l’apparire e che, ora, con la crisi economica, non sa più in quale direzione dirigersi.

Il libro catalogo della mostra è per i tipi della casa editrice d’arte Paparo di Napoli

Pietro Loffredo, artista napoletano, numerose le sue partecipazioni a eventi nazionali e internazionali. Ha esposto a Roma, Venezia, Napoli, Bastia, Montecarlo, Parigi; i recenti progetti lo hanno visto protagonista presso i musei di Castel Sant’Angelo in Roma, il Dar Bach Amba di Tunisi, la Fondazione Orestiadi di Gibellina, il St. James Cavalier – Centre For Creativity de La Valletta. La costante ricerca artistica lo vede operare anche come illustratore nel campo dell’editoria. Da gennaio 2011 è in libreria la sua prima biografia artistica “La gatta morta” edito dalla Paparo Edizioni.