Petizione di un Cittadino Bulgaro per la chiusura dei Casinò

0
370
Casino Online Bulgaria
Infissi a Salerno con lo sconto del 50% ecobonus - preventivi gratuiti

Generalmente il gioco da casinò viene regolamentato dalle diverse nazioni, le quali applicano le normative che ritengono più opportune all’argomento considerato. Tuttavia può capitare a volte che i cittadini di un determinato Stato non siano pienamente d’accordo e che prendano quindi l’iniziativa di far firmare una petizione a tutti coloro che la pensano esattamente allo stesso modo a riguardo.

Questo è quello che è successo ad un cittadino della Bulgaria, il quale ha proposto una petizione volta a stabilire il divieto di giocare casinò online nel suo Paese. La motivazione principale che ha spinto il cittadino a prendere tale decisione riguarda il continuo riciclaggio di soldi che si verifica in Bulgaria e che, secondo la sua spiegazione, è dovuto al gioco da casinò.

In linea generale, in questo Paese il gioco da casinò è attualmente regolamentato dall’Agenzia nazionale delle entrate, conosciuta anche come NRA, la quale ha assunto il controllo di questo settore poco meno di un anno fa.

Tutte le piattaforme di casinò online in Bulgaria devono quindi presentare tale licenza, al fine di poter essere considerate valide e sicure. Inoltre, su questi siti è possibile effettuare la registrazione con la conseguente apertura di un conto di gioco, ed iniziare successivamente a giocare avendo anche la possibilità di usufruire dei bonus di benvenuto proposti.

È doveroso ricordare che l’attuale licenza governativa italiana è differente, in quanto l’organo che regolamenta il settore del gioco da casinò è l’Agenzia Dogane e Monopoli.

In ogni caso, a seguito della richiesta del cittadino bulgaro di introdurre il divieto totale del gioco da casinò nel proprio Paese, la Commissione Europea ha chiarito la situazione spiegando che tutti gli Stati membri sono liberi, nei limiti della legge, di adottare le normative che ritengono più consone per il settore considerato.

L’Unione Europea non può infatti intervenire e procedere al divieto del gioco da casinò, in quanto questa materia deve essere regolamentata a livello nazionale. Pertanto, la Commissione ha rifiutato la richiesta presentata, che verrà esaminata dal comitato delle petizioni del Parlamento Europeo.

Tuttavia, l’organo competente chiederà di archiviare la petizione nella seduta del 2 Settembre 2021.

Resta però dovere dei casinò online o della piattaforma di slot online fare il controllo del giocatore, qualora dovesse riscuotere un’ingente somma di soldi dovuta ad una possibile vincita.

Proprio per questo motivo, almeno in Italia, per completare la registrazione presso un sito di casinò online viene richiesto al giocatore l’invio del proprio documento d’identità con allegato il relativo codice fiscale. L’industria può poi richiedere l’invio di ulteriori documenti o di effettuare una breve procedura quando il giocatore in questione richiede di prelevare una somma notevole, al fine di assicurare che il prelievo sia sicuro e valido.

Inoltre, per evitare che il gioco diventi una dipendenza, sulle diverse piattaforme è anche possibile procedere all’autoesclusione, così da essere certi che il gioco rimanga semplicemente uno svago e non si trasformi in una vera e propria malattia.

È quindi importante giocare sempre in maniera moderata e consapevole.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here