Atrani In Ciak, tutti i venerdì di scena il cinema.

0
62

atranINciak2015Iniziano il prossimo 17 luglio gli appuntamenti della rassegna cinematografica Atraniinciak, che fino al 26 agosto animerà i venerdì del borgo costiero. Capolavori di ieri e di oggi, serate dedicate a maestri del cinema come Pier Paolo Pasolini e Roberto Rossellini, poesia ed arte compongono il cartellone delle proiezioni “sotto le stelle”, che si terranno nel cortile del plesso scolastico E. Proto, di recente ristrutturato per ospitare spettacoli ed eventi.

Si comincia il 17 con “Atrani in bianco e nero” e La macchina ammazzacattivi di R. Rosselini, capolavoro del 1952 in cui l’umorismo sarcastico e l’ironia del grande Eduardo (che ne ha realizzato la sceneggiatura) incontrano i suggestivi scenari di Atrani e Maiori; una commedia fantastica in bianco e nero da rivedere, o far vedere per la prima volta per la capacità di restituire il fascino dei luoghi di fine anni ’40 e declinare la metafora del sogno come una possibilità di riscatto per gli umili e gli onesti.

Il 24 luglio “Gioia e Rivoluzione” ripercorrerà le pagine de I diari della motocicletta, pellicola di W. Salles ispirata agli scritti Latinoamericana di Che Guevara e Un gitano sedentario dell’amico Alberto Granado. Il film ripercorre le tappe dell’avventuroso viaggio del Che, allora ventiduenne studente di medicina, e dell’inseparabile Alberto attraverso l’America Latina in sella alla Norton 500 M18 o con mezzi di fortuna, per scoprire le origini del percorso intellettuale e politico che i due protagonisti avrebbero poi intrapreso nel resto della loro vita.

Il 31 luglio si illumina “La costiera a colori” con Si accettano miracoli, il film di A. Siani campione d’incassi al botteghino, girato tra Napoli e la Costiera Amalfitana e Sorrentina, per una serata all’insegna della risata e del divertimento.

Reality di Matteo Garrone animerà le “Realtà Virtuali” nella serata del 7 agosto; ambientato a Napoli, il film racconta la smisurata voglia del pescivendolo Luciano di entrare nella casa del Grande Fratello, spinto da famiglia ed amici. In breve tempo la sua diventa un’ossessiva paranoia che gli farà perdere ogni cosa, anche la percezione della realtà. Protagonista della pellicola è Aniello Arena, ergastolano detenuto nel carcere di Volterra per la strage di piazza Crocelle a Barra, che nel cinema e nel teatro ha trovato la sua vera chance di riscatto.

“Il labirinto della felicità”, il 13 agosto, coinvolgerà gli spettatori nelle vicende de Il giovane favoloso di M. Martone nella serata dedicata alla Poesia. Elio Germano porta sul set la figura del poeta Giacomo Leopardi ripercorrendone la vita, i tormenti, il successo, la visione disincantata e fragile della vita e del destino dell’uomo.

20 agosto dedicato ad una delle figure più controverse del cinema e della letteratura italiana, Pier Paolo Pasolini. Per celebrare il suo visionario talento, capace di sviscerare anche gli aspetti apparentemente “innocui” dell’esistenza, verrà proiettato Mamma Roma, film del 1962 interpretato da Anna Magnani. L'”assurda e squisita mistione tra Masuccio e Caravaggio”, come lo stesso regista definisce l’esperimento di commistione tra la recitazione drammatica di Anna Magnani e quella spontanea e chiassosa dei ragazzi di strada, l’amore incondizionato tra madre e figlio che sorregge tutto il film, gli scenari nudi come le anime dei poveri e degli umili ne fanno un capolavoro, seppure anarchico e surreale, del Neorealismo italiano.

Chiusura in bellezza con “La mente Matematica”, eccezionalmente mercoledì 26 agosto, con A beautiful mind, film di R. Howard che racconta la vita del matematico e premio Nobel John Nash. Russel Crowe interpreta quella “mente bellissima”, di recente scomparso in un incidente stradale, con quel giusto mix di disperazione e tenerezza che ha caratterizzato la vita del matematico segnata dalla malattia mentale, poi diagnosticata come schizofrenia.
Atraninciak è realizzata da Mò Film (Associazione culturale per il cinema) e dal Comune di Atrani.
Le proiezioni inizieranno alle ore 21.00 presso il cortile del plesso scolastico E. Proto, in via dei Dogi; l’ingresso è gratuito.

LASCIA UN COMMENTO