Aftermarket, un settore in crescita, giovedì 28 al Grand Hotel Salerno.

0
232

aftermarketlabSecondo gli ultimi dati dell’Osservatorio di mercato IAM del Politecnico di Torino, l’aftermarket indipendente  negli ultimi 5 anni è cresciuto mediamente del 4,77 per cento annuo.

E le prospettive per il prossimo biennio tendono a confermare questo trend positivo. Un settore in continuo sviluppo e cambiamento che sarà al centro dell’evento “Numeri, prospettive e soluzioni per il settore aftermarket” in programma giovedì 28 aprile alle ore 10:30 presso il Grand Hotel Salerno.

L’iniziativa, organizzata da Aftermarket LAB (primo laboratorio permanente di idee e soluzioni per il comparto dell’autoriparazione) in collaborazione con il Politecnico di Torino, Confartigianato Imprese e Sofinn Italia,vuol essere un importante momento di approfondimento su dati attuali e prospettive future su cui si muoverà il settore dell’aftermarket.

I partecipanti (produttori, distributori, ricambisti di auto e truck, autoriparatori ed altri operatori del campo automotive) avranno la possibilità di confrontarsi con esperti e professionisti su soluzioni innovative al fine di aumentare la competitività delle proprie aziende. Ricco e qualificato il parterre di interventi che animerà la convegnistica in programma per l’intera giornata.

I lavori saranno inaugurati alle ore 11.00 con la presentazione dell’Aftermarket LAB  a cura di Raffaele Improta, direttore commerciale di Sofinn Italia.

Alle 12.00, poi, Enrico Quintavalle, responsabile Ufficio Studi di Confartigianato Imprese, relazionerà sul tema “Analisi e prospettive del settore autoriparazione in Italia”. Nel pomeriggio (ore 15.00), si calerà la lente analitica su un’altra fondamentale tematica “Per competere ci vogliono i numeri…ma anche qualche intuizione!” esaminata da Silvano Guelfi, responsabile scientifico  dell’Osservatorio di Mercato IAM  Politecnico di Torino – Digep Strategia e Finanza. Infine spazio alle considerazioni finali che raccoglieranno i vari spunti emersi dall’incontro.  “Il settore aftermarket – spiega Improta – vive una continua evoluzione. Non è possibile lasciarsi trovare impreparati. Diventa, dunque, sempre più essenziale e necessario far crescere la competitività delle aziende per non rimanere fuori dalle logiche che regolano il business di settore”. “Da qui – conclude –  l’idea di realizzare una rete di professionalità in grado di  incentivare, con idee, soluzioni, attività, iniziative, lo sviluppo di chi opera nella filiera dell’autoricambio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here