Rassegna teatrale in bene confiscato alla camorra ad Afragola, intitolato ad Antonio Esposito Ferraioli.

0
472

Dal 7 al 14 settembre, alle ore 20:30, alla Masseria FERRAIOLI (ex-Masseria Magliulo), prende il via la  seconda edizione di Teatro Deconfiscato (il teatro nei beni confiscati alle mafie), rassegna di teatro civile ideata dal drammaturgo e regista Giovanni Meola, che ne firma anche la direzione artistica.

Per la prima volta il teatro entra in un bene confiscato alla camorra, situato nel territorio comunale di Afragola, in provincia di Napoli.

Il bene, in passato, fu fortino del clan Magliulo capeggiato da Vincenzo Magliulo, noto come “l’ingegnere della camorra”, tra l’altro ex-assessore nelle file della Democrazia Cristiana; arrestato nel 1989, fu tra i principali responsabili della sanguinosa faida di camorra con la cosca rivale dei Moccia,  tra gli anni ’60 e ’80, causando numerose vittime. Il bene consta di circa 150mila metri quadrati, il più grande dell’intera area della Città Metropolitana di Napoli.

Da quest’anno il bene, assegnato al Consorzio Terzo Settore formato da associazioni attive sul fronte sociale e di impegno civile, è intitolato ad Antonio Esposito Ferraioli, giovane sindacalista di Pagani e vittima innocente di camorra.

La rassegna teatrale prevede tre spettacoli, che andranno in scena 7, 11 e 14 settembre.

L’ingresso sarà gratuito: l’intenzione dell’amministrazione comunale, con l’ass.to alla Cultura e di Virus Teatrali, con il contributo del Consorzio che ospita la manifestazione, è quella di restituire il bene alla comunità.

Il 7 settembre andrà in scena “Il Sulfamidico“, scritto e diretto da Giovanni Meola con Enrico Ottaviano, che affronta il tema dei diritti umani e che vanta il patrocinio di Amnesty International e dell’ambasciata argentina in Italia, oltre che vincitore di premi di drammaturgia.

Il giorno 11 settembre sarà la volta di “Albania casa mia“, storia d’immigrazione, di e con Alexandros Memetaj, per la regia di Giampiero Rappa, già premiata nel 2016 con il Premio Cervi e al festival Avanguardie 20 30, e invitato al festival InScena! A New York nel 2017.

Chiude la seconda edizione della rassegna il 14 settembreDita di dama“, una storia di emancipazione femminile, adattata e diretta da Laura Pozone (anche protagonista) e Massimiliano Loizi, tratta dall’omonimo libro di Chiara Ingrao.

Diritti umani, immigrazione ed emancipazione femminile, questi i temi dei tre spettacoli, che hanno come caratteristica comune quella di abbinare comicità a commozione, così che sul palco Deconfiscato si alterneranno momenti tra l’assurdo e il paradosso a situazioni fortemente drammatiche.

Format originale e unico per il suo particolare “palcoscenico deconfiscato”, che mette assieme spettacoli provenienti da autori e drammaturghi diversi tra loro, ma tutti attenti a tematiche sociali di grande rilevanza e più che mai attuali.

Grande novità di quest’anno sarà la presenza di testimonial di grande spessore che, in apertura di serata e provocati da esperti giornalisti, parleranno delle loro esperienze professionali, e talvolta personali, nel campo della lotta alle mafie e delle legalità violate.

Inaugurerà la rassegna, il giorno 7 settembre Catello Maresca, il pm antimafia protagonista della cattura dei due boss super latitanti del clan dei casalesi Iovine e Zagaria, intervistato da Giuseppe Crimaldi giornalista de Il Mattino.

Il giorno 11 settembre sarà la volta di Claudio Fava, Vice presidente della Commissione Anti-Mafia, giornalista, politico, deputato, scrittore, sceneggiatore. Con lui sul palco Ottavio Lucarelli, giornalista di Repubblica e presidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania.

In chiusura di rassegna, il 14 settembre, Luisella Costamagna, giornalista e noto volto televisivo, sarà intervistata da Mirella Armiero, responsabile delle pagine culturali del Corriere del Mezzogiorno e collaboratrice del Corriere della Sera.

Media Partener della rassegna saranno Radio Punto Zero e il sito d’informazione Il Mezzogiorno.Info.

‘Teatro Deconfiscato’ programma completo 2. edizione

Giovedì 7 settembre – Virus Teatrali

una storia di diritti umani

“IL SULFAMIDICO”

di – regia | Giovanni Meola

con | Enrico Ottaviano

Un ragazzo allergico agli antibiotici sulfamidici conosce per caso un argentino scampato alle torture della dittatura che, al sentir nominare i mondiali di calcio Argentina ’78, oppone la sua allergia a quella storia, a quei ricordi, al calcio, ai sulfamidici stessi. Il ragazzo scopre così uno dei genocidi più tollerati del ‘900 e rivive con altro spirito le spensierate nottate passate a seguire le partite dell’Italia a quei mondiali.

Trailer: https://vimeo.com/230280575

www.virusproduzioni.it

Lunedì 11 settembre – Argot Produzioni

una storia d’immigrazione

“ALBANIA CASA MIA”

di – con | Alexandros Memetaj

regia | Giampiero Rappa

Febbraio 1991, Albania. Il regime comunista collassa, dopo 45 anni, e subito decine di migliaia di persone si riversano sui barconi diretti verso l’Italia e l’occidente. Tra questi, il trentenne Alexander e un bimbo di 6 mesi, Aleksandros. I due destini, apparentemente lontani, s’incrociano più volte finché, ai nostri occhi, non appariranno per quel che sono: figlio e padre. Divertente e toccante, una formativa storia d’immigrazione.

Trailer: https://vimeo.com/150263526

www.argot.it

Giovedì 14 settembre – Teatro delle Cooperativa | Aparte

una storia di emancipazione femminile

“DITA DI DAMA”

di – regia | Laura Pozone – Massimiliano Loizzi

con | Laura Pozone

Adattamento dal romanzo di Chiara Ingrao ambientato agli inizi degli anni ’70, a cavallo della nascita dello Statuto dei Lavoratori. Tra lacrime di commozione e sorprendente e irresistibile comicità, seguiamo le vicende di 14 personaggi, tutti interpretati dalla stessa persona, durante gli anni delle lotte operaie, storia al femminile di emancipazione sociale e di vita, a partire dalla diciottenne operaia, suo malgrado, futura sindacalista.

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=qO7Sv9MxYvo

LASCIA UN COMMENTO