Delocalizzazione del Porto di Salerno, la proposta de La Nostra Libertà.

0
1407

“se vuoi costruire una nave, non radunare gli uomini per raccogliere il legno,

ma insegna loro la nostalgia del mare” (de Sain Exupery)

La trasformazione urbana impone una visione organica, sociale, nell’identità. Salerno, al netto delle improbabili Luci invernali e della inutile cementificazione, ha solo nel mare il suo destino. Un destino, da sempre, tradito.

 

Un anno fa presentammo le nostre proposte programmatiche per la città del mare. Nel corso di tutti i successivi consigli comunali è stato espressamente richiesto al Sindaco di attivarsi per il nuovo porto di Salerno.

DIFENDIAMO IL PORTO, LIBERIAMO SALERNO.

IL TEMPO DELLE SCELTE

ll Porto di Salerno è eccellenza produttiva che dà il pane a tante famiglie. Così, però, non può crescere. E se non cresce, muore. Non ha una rotaia né il retroporto, blocca la Porta Ovest, paralizza il viadotto Gatto, impone la perforazione della montagna per gli enormi tir, violenterà il mare con un dragaggio improbabile. Il Porto, oggi, sfregia la città. 

Un antico progetto immaginava il Grande Porto dopo Pontecagnano. Delocalizzare il Porto significa infrastrutture d’avanguardia, le rotaie, la grande area retroportuale, spazi di stazionamento e di servizi, collegamenti con la metropolitana, con l’autostrada, e finalmente con l’aeroporto. 

 

Delocalizzare il Porto commerciale significa far rinascere la Città del Mare. Finalmente il viadotto Gatto sarà libero, i turisti saliranno in galleria con funicolari leggere. Ci sarà la grande spiaggia, gli antichi bagni di Salerno, come a Positano e Capri; i centri di esposizione del nostro commercio, la nautica da diporto, la valorizzazione dell’Olivieri, il mare tra le due costiere. 

 

Si può, perché per Marina d’Arechi ci son voluti pochi mesi. Si deve, come fu per l’Università e per l’Ospedale, e come sarà per il nuovo Ruggi, immaginare il futuro.

 

La Nostra Libertà ha proposto in Consiglio Comunale la delocalizzazione del Porto di Salerno. Un progetto concreto e di grande respiro, in sinergia  tra   pubblico e privato,  per  attingere   ai finanziamenti pubblici ed europei. Per la città del Mare, per il Porto di Salerno, per tanto lavoro vero per i nostri giovani. 

 

 

I PROBLEMI

 

Il porto di Salerno, iscritto nella I classe della II categoria dei Porti marittimi nazionali, presenta delle forti e preoccupanti criticità.

 

Il quadrilatero turistico marittimo viadotto gatto, porta ovest, dragaggio e stazione marittima, potrebbe rappresentare una vera e propria l’implosione del Porto di Salerno. Quattro criticità. Che bloccano il porto, che bloccano la città.

 

 

 

 

IL DRAGAGGIO

 

Il dragaggio è indispensabile per le navi commerciali, che richiedono pescaggi fino a 14 metri. L’intervento prevede l’abbassamento dell’attuale fondale da 8 a 11 mt e da 11,50 a 17 mt, con escavo in alcuni punti rocciosi per oltre 5 mt, oltre a quello del canale di accesso al porto.

 

Più di uno studio ha consegnato allarme per il dragaggio in zone centrali e rocciose, già sottoposte a sollecitazione geologica. La Yasmina, solo scivolando sulla sabbia, faceva tremare gli edifici.

RAM settembre 2016 che “il dragaggio in aree costiere può avere implicazioni sulle spiagge”, e uno studio dell’Università di Padova, del Prof. Ing. Piero Ruol del 2013, riferisce che “la rimozione dei sedimenti può cambiare la stabilità del pendio o causare l’erosione del terreno di bonifica”.

 

E’ il caso del porto di Salerno, qui la perforazione della Porta Ovest ha determinato guasti ambientali.

In Commissione Trasparenza fu accertato che società autostrade è in causa con Autorità Portuale per i danni causati dai lavori di traforo di Porta Ovest al viadotto Olivieri, e che il Viadotto Gatto necessità di verifica strutturale, e vi furono crolli di calcinacci dal ponte di via Risorgimento.

 

 

LA PORTA OVEST

 

Le cronache giudiziarie, civili e penali, hanno consegnato 15 anni di guasti, crolli, interruzioni, fallimenti. Ma anche di forte allarme per le vibrazioni a Canalone e per i viadotti.

Oggi tutto è fermo. Si lavorerà, forse, solo per il drenaggio delle acque. E’ stato eliminata la rotatoria da via Gatto, rendendo inutile il traforo. Che, lo sanno tutti, non verrà mai completato.

 

Sarebbe possibile invece convertire e realizzare il progetto con dimensionamenti inferiori, dunque non per il transito pericoloso dei grandi tir, ma solo per auto, cabinovie e funicolari.

 

 

IL NUOVO PORTO

 

Trent’anni fa fu progettato il Porto Isola in litoranea.

Recentemente il PTCP del 2012 della Provincia prevedeva la delocalizzazione del Porto Commerciale tra Battipaglia ed Eboli e il Porto di Salerno convertito a funzioni turistiche.

Oggi le nuove tecnologie consentono, come per Marina d’Arechi, pochi mesi di lavori.

 

IL VIADOTTO GATTO

 

La Commissione Trasparenza accertò la necessità della verifica strutturale, oggi in essere.

Oggi però il problema della viabilità è di ordine pubblico perché nemmeno un’ambulanza può transitare, e l’accavallamento tra Autorità Portuale e Comune di Salerno produce solo malgoverno, per cui occorre l’intervento del Prefetto che adotti urgenti misure:

 

– bloccare il transito dei Tir sull’ex statale 18 che collega Vietri a Salerno;

– programmare gli accessi al porto, per i Tir soltanto fino alle ore 8,00 di mattina;

– impedire la sosta dei Tir in via Ligea, con stazionamento esclusivamente nell’area Portuale.

 

 

LE INIZIATIVE PUBBLICHE E ISTITUZIONALI

 

Lettera aperta

Ai Sindaci di Salerno, di Pontecagnano e di Eboli, al Presidente della Provincia e al Presidente della Regione Campania; al Presidente dell’Autorità Portuale, agli operatori privati, alle associazioni di categoria.

 

Palazzo di Città

Interrogazione e interpellanza in Consiglio Comunale.

Richiesta di discussione all’ordine del giorno nelle commissioni consiliari competenti.

 

Iniziative Pubbliche

Concorso di idee con il coinvolgimento dell’Ordine degli Architetti di Salerno.

Mostre fotografiche della Salerno turistica degli anni sessanta.

Pubblici dibattiti e convegni con le categorie produttive e gli attori pubblici, privati, istituzionali.

 

Petizione Popolare

La gente di Salerno sia partecipe e protagonista del suo destino, e delle sue tradizioni.

La petizione potrà essere sottoscritta tutti i giorni dalle 8,30 alle 13,30 presso la sede dell’associazione La Nostra Libertà in via Lucio Petrone 69, o presso la sede del gruppo consiliare al Comune di Salerno, e in occasione delle manifestazioni pubbliche che La Nostra Libertà organizzerà per il progetto La Città del Mare.

Può aderirsi alla petizione popolare anche cliccando “mi piace” sull’apposito link nella pagina facebook “Delocalizziamo il Porto di Salerno”.

LASCIA UN COMMENTO