Spread Sanitario: cinque le Aziende campane che saranno visionate dal Team

0
55

convegnoGrande atmosfera di attesa questa mattina al convegno “Sanità oggi e domani”, tenutosi presso la sede salernitana dell’Ordine dei Medici, per il sorteggio delle Aziende Sanitarie che saranno prossimamente visionate dal Team “Spread Sanitario”. Questi i nomi. Tre le Aziende Pubbliche : Ospedale di Agropoli, Ospedale Fucito di Mercato San Severino e Ospedale Curto di Polla.  Due invece le Aziende Private: Casa di Cura Cobellis di Vallo della Lucania e Casa di Cura Salus di Battipaglia.

A coordinare i lavori il Dott. Giuseppe Funicelli Responsabile per la Regione Campania delle problematiche della Sanità Privata e Accreditata – il quale ha aperto il convegno, dichiarando: “E’ difficile parlare di Sanità, a causa delle risorse che si assottigliano. L’obiettivo è quello di capire come mantenere in vita il sistema sanitario. La Sanità è in ginocchio.” Presente all’incontro il Dott. Bruno Ravera – Presidente dell’Ordine dei Medici – che, dopo aver ribadito la piena disponibilità dell’Ordine dei Medici, ha invitato le autorità politiche presenti in aula ad intervenire tempestivamente.

Nel corso del convegno sono poi intervenuti il Dott. Antonio Squillante Direttore Generale ASL Salerno – e il Rettore dell’Università degli Studi di Salerno Prof. Raimondo Pasquino il quale ha sottolineato l’impegno dell’Ateneo salernitano, ponendo un forte accento sulla “conquista” ottenuta: la Facoltà di Medicina e Chirurgia attiva dal 2006, nonché i relativi corsi di specializzazione.

Intervento completo ed esaustivo quello del On. Crescenzio Rivellini – Parlamentare europeo. L’onorevole, infatti, dopo aver affermato che, strumento principale per attestare le reali condizioni delle Aziende Sanitarie Campane è la “verifica sul posto”, ha spiegato come è nato il progetto “Spread Sanitario”. Quest’ultimo rappresenta “uno strumento prezioso per la Campania” al fine di consentire l’accesso ai Fondi Europei: circa 500 milioni di euro. Un’ingente somma che sarà messa a diposizione fra il 2014/2020, al fine di “unificare i sistemi sanitari dei paesi membri della Comunità e rendere i livelli di assistenza uguali in Italia come in Germania e in tutta Europa.”

Il Team di lavoro, composto da docenti dell’ateneo federiciano “somministrerà” ad alcune strutture ospedaliere della Regione Campania un questionario con 77 indicatori, presenti nella DRG 730/01 e riassumibili in : input (organico, attrezzature e capitale), productive process (dinamiche interne, procedure diagnostiche, esami e ricoveri), output (visite, procedure diagnostiche esami, ricoveri), outcome (malattie evitate o guarite, decessi avvenuti), altri indicatori (comfort alberghiero e formazione professionale).  Per maggiori informazioni gli utenti potranno visitare il sito internet www.spreadsanitario.eu.

Il tutto è stato ulteriormente analizzato e spiegato nel dettaglio alla platea dalla Prof.ssa Maria TriassiOrdinario di Igiene presso l’Università Federico II di Napoli e Responsabile Scientifico del progetto – e dall’Ing. Giovanni ImprotaCoordinatore del Team. A chiudere i lavori il Dott. Mario MorlaccoSub commissario alla Sanità della Regione Campania – che ha concluso dicendo “Bisogna iniziare dalla comunicazione. I medici devono informare i pazienti per migliorare gli esiti.”

 

Daniela Trotta

LASCIA UN COMMENTO