“La santità di Giovanni Paolo II”: la storia di Wojtyla al Teatro Ghirelli.

0
35

Il libro di Maria Bottiglieri sulla vita del Papa che il 27 aprile 2014 diventerà santo

Il 27 aprile 2014, Papa Giovanni Paolo II sarà canonizzato da Papa Francesco. “La santità di Giovanni Paolo II” (Edizioni Anordest) è il volume che, oltre a parlare dei suoi miracoli e della sua vita, spiega anche “che cos’è un miracolo” e “perché” papa Wojtyla è diventato Santo. Il libro di Maria Bottiglieri sarà presentato venerdì 4 aprile alle 17 al Teatro Antonio Ghirelli di Salerno.

Oltre all’autrice, parteciperanno all’appuntamento anche l’arcivescovo primate di Salerno monsignor Luigi Moretti, il giornalista dirigente RAI Antonio Preziosi, il vice direttore della Sala Stampa Vaticana Angelo Scelzo, la preside del Liceo Alfano I e presidente Diocesana A.C. Elisabetta Barone. I lavori saranno coordinati da Alfonso Pagano, della Fondazione Salerno Contemporanea.

Karol Wojtyla è cresciuto nella Polonia martoriata dal nazismo, è stato studente, operaio e attore per poi divenire sacerdote e vescovo di Cracovia nel periodo comunista. Vescovo a soli 38 anni e cardinale a 47, è stato uno dei più giovani padri conciliari. Divenuto pontefice a 58 anni, il suo lungo pontificato si è caratterizzato per molteplici “novità” (il numero di viaggi apostolici, il numero di persone incontrate, il numero di santi canonizzati, il numero e la varietà di documenti pubblicati) e per le “invenzioni” (la preghiera interreligiosa per la pace di Assisi, le Giornate Mondiali della Gioventù, la giornata del malato, quella della famiglia). La vita di Karol Wojtyla è stata decisamente sopra le righe. La sua santità, paradossalmente, invece che allontanarlo ulteriormente dalla gente comune, contribuisce ad avvicinarvelo perché ha posto l’accento su una dote che è alla portata di tutti gli uomini di buona volontà: la capacità di compiere bene il proprio dovere. Alle 21 e 37 del 2 aprile 2005, giorno della Divina Misericordia, festività da lui istituita, Giovanni Paolo II è “tornato alla casa del Padre”.

Maria Bottiglieri, autrice del volume, è laureata in Giurisprudenza, vive a Torino ed è attualmente funzionario presso il Servizio “Cooperazione internazionale e pace” della Città di Torino e dottoranda in “Autonomie locali, servizi pubblici e diritti di cittadinanza” presso l’Università del Piemonte Orientale. È curatrice di pubblicazioni su temi della cooperazione internazionale decentrata, autrice di saggi di diritto pubblico e articoli di vita ecclesiale. è stata Vice-presidente nazionale della FUCI (Federazione Universitaria Cattolica Italiana) e Consigliera nazionale del MEIC (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale). è attualmente Consigliera del MEIC di Torino e aderente all’Azione Cattolica.

LASCIA UN COMMENTO