Dalla Regione 15 milioni per Piani Di Protezione Civile di Provincie e Comuni, le modalità di assegnazione. Decisivo il ruolo dell'Ordine degli Ingegneri di Salerno.

0
28

La Regione Campania ha stanziato 15 milioni di euro per dotare le cinque Province e la totalità dei comuni della Campania di Piani di Protezione Civile. L’annuncio è stato dato dall’ assessore regionale alla Protezione civile Edoardo Cosenza.

“Al momento – ha detto Cosenza – dobbiamo purtroppo evidenziare che solo il 40% dei Comuni campani ha un Piano di protezione civile.

“Con questo avviso pubblico la Regione dà la possibilità agli enti locali di recuperare gravi mancanze nel settore della prevenzione, di dotare il proprio territorio di fondamentali strumenti per la difesa del territorio dai rischi naturali e di mettersi in regola con le prescrizioni della legge 100/2012. Tale azione dovrà determinare un aumento della sicurezza dei 6 milioni di abitanti della Campania: per questo la Regione verificherà la rispondenza dei Piani redatti alle linee guida già approvate.

“Si tratta di una occasione importante per un territorio, come quello campano, che è un concentrato di rischi naturali di varia natura: da quelli connessi al dissesto idrogeologico, a quelli legati alla sismicità, fino al rischio vulcanico. Il nostro fine – ha concluso Cosenza – è costruire la sicurezza del cittadino.”

“Il nostro territorio – ha sottolineato il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro –  ha diversi rischi, per anni non è stato curato come doveva. Distrazioni e cattive pratiche hanno contribuito ad accentuare le criticità. Oggi ci trasferiscono meno risorse eppure interveniamo con misure efficaci e garantiamo il massimo impegno. Con una buona ed efficace programmazione riusciamo ad utilizzare meglio le risorse. La difesa e la tutela del territorio rappresentano una priorità. Lo ripetiamo ogni volta, perché ogni volta mettiamo in campo misure concrete.”

“L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Salerno ha avuto un ruolo molto importante in tutta la fase di condivisione del progetto rischio/presidi territoriali”, sottolinea il presidente Michele Brigante, che plaude all’iniziativa del governo di Palazzo Santa Lucia.

MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DALL’AVVISO PUBBLICO

– Il riparto per i Comuni, ai quali sarà assegnata complessivamente la
somma di 14 milioni di euro, avverrà in funzione del numero di
abitanti, con un minimo di 15.000 euro per i Comuni più piccoli fino a
200.000 euro per i comuni con popolazione superiore ai 200mila
abitanti. E’ prevista una maggiorazione del 25% del contributo
ammissibile per i Comuni ricadenti nella zona individuata a rischio
vulcanico dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile: Vesuvio e
Campi Flegrei. Sono previste maggiorazioni dal 10% al 20% ai Comuni
limitrofi appartenenti ad uno stesso Centro operativo misto (quello
che viene attivato in caso di emergenza) che sviluppino piani di
protezione civile in forma associata.

– I Comuni che già dispongono di piani aggiornati potranno utilizzare
i fondi per azioni di diffusione delle informazioni ed altre attività
collegate al Piano.

–          Le Province avranno complessivamente a disposizione un milione di euro, per sviluppare piani provinciali e per le azioni collegate. La
ripartizione avverrà in funzione del numero degli abitanti, del numero dei Comuni, delle superfici provinciali e delle estensioni delle coste.

LINEE GUIDA REGIONALI PER IL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

 

–          Il Piano di emergenza comunale è lo strumento che deve definire le
attività coordinate e le procedure da adottare per fronteggiare un
evento calamitoso atteso e/o in atto nel territorio comunale. Ciò al
fine di garantire una risposta efficiente ed efficace mediante
l’impiego delle risorse disponibili e necessarie ad organizzare i
primi interventi, per prevenire, soccorrere e superare un’emergenza e favorire il ritorno alle normali condizioni di vita.

 

E’ il supporto operativo di riferimento fondamentale per la gestione
dell’emergenza, con l’obiettivo di salvaguardare la vita delle persone
e i beni presenti in un’area a rischio riducendo il danno che l’evento
provoca sul territorio.

Il Piano di Emergenza Comunale deve contenere:

• indicazioni di coordinamento ed indirizzo per tutte le fasi di
risposta previste dal Piano;

• procedure semplici e non particolareggiate;

• individuazione delle singole responsabilità nel modello di intervento;

• flessibilità operativa nell’ambito delle funzioni di supporto.

Il Piano di Emergenza Comunale deve essere in grado di rispondere ai seguenti quesiti:

• Quali eventi calamitosi possono interessare il territorio comunale?

• Quali persone, strutture e servizi ne saranno coinvolti o danneggiati?

• Quale risposta operativa è necessaria per ridurre al minimo
l’impatto dell’evento?

• Quali risorse sono disponibili per fronteggiare l’emergenza?

• A chi vengono assegnati i ruoli e i compiti per la gestione delle emergenza?

Il Piano dovrà essere costituito da tre sezioni principali:

1. Parte generale

Raccoglie tutte le informazioni relative alla conoscenza del
territorio e alle reti di monitoraggio presenti, finalizzate
all’elaborazione dei possibili scenari di danno che si
possono verificare nell’area in esame.

2. Lineamenti della pianificazione

Individua gli obiettivi da conseguire per organizzare un’adeguata
risposta di protezione civile al verificarsi dell’evento e indica le Componenti e le Strutture Operative.

3. Modello di intervento

Indica l’insieme, ordinato e coordinato secondo procedure, degli
interventi che le Componenti e le Strutture Operative di Protezione
Civile individuate nel Piano attuano al verificarsi dell’evento.

Il Piano dovrà specificare le procedure da mettere in atto al
verificarsi dell’evento e, in particolare:

• individuare le competenze;

• individuare le responsabilità;

• definire il concorso di Enti ed Amministrazioni;

• definire la successione logica delle azioni.

Le linee guida della Regione prevedono, inoltre, che il Piano di
Emergenza Comunale sia corredato di una Carta del Modello di
Intervento, che sintetizzi tutte le informazioni necessarie alla
gestione dell’emergenza.

I Piani dovranno tenere conto dei seguenti rischi:

• rischio idrogeologico compreso quello da mareggiata;

• rischio sismico;

• rischio vulcanico;

• rischio incendi boschivi e di interfaccia;

• rischio chimico industriale.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO