BMTA 2016, il racconto della seconda giornata ed il programma della terza a Paestum.

0
144

BMTA 2016, presentato il programma.Oltre il sito archeologico “per offrire al visitatore un’esperienza magica”. Lancia ancora un messaggio preciso il Direttore del Parco Archeologico di Paestum Gabriel Zuchtriegel, nell’aprire l’incontro su Archeologia e Paesaggio alla XIX Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. L’idea è quella di coinvolgere gli altri enti nei progetti: Comuni, Soprintendenza, Procura, Regione. Riceve immediatamente la risposta della Soprintendenza, con l’architetto Giovanni Villani, che punta sul contesto in cui insistono i grandi siti di Paestum e Velia: “Attualmente a Velia si arriva attraversando il sottopasso dell’area ferroviaria, Paestum andrebbe collegata alle grandi linee di smaltimento dei flussi. La riqualificazione del paesaggio resta prioritaria”.

In proposito, il Salone espositivo propone il progetto di “recupero dello scavo spettacolare” dell’Anfiteatro dell’area archeologica di Paestum, che riporterà alla luce l’intera, meravigliosa struttura al momento interrata e coperta dalla statale 18, la strada Regia delle Calabrie, costruita da un ingegnere borbonico all’inizio del 1800 e che va da Porta Aurea a Porta Giustizia. L’Anfiteatro sarà così, il quarto, grandioso monumento, tra i templi di Cerere e Nettuno e oltre la Basilica. Il lavoro interromperebbe la strada, grazie a piccoli espropri e creerebbe un’area di scavo visibile al pubblico, da qui il nome “scavo spettacolare”.  L’obiettivo è restituire il monumento a una fruibilità completa, restituendo il complesso monumentale alla piena visione dei visitatori. Il progetto è dell’architetto Rodolfo Sabelli, Coordinatore dell’Area IV, Pianificazione e progetti strategici, del Comune di Capaccio Pæstum. Il progetto è già a finanziamento. I lavori dovrebbero partire il prossimo anno.

Fare micro impresa con idee innovative e soluzione tecnologiche che rendano più attrattive i nostri luoghi della cultura: è il messaggio rivolto alla giovanissima platea della XIX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico nell’ambito dell’incontro su “Le politiche europee per il turismo e la promozione culturale”.

107 milioni di euro a disposizione per creare ex novo o rafforzare le imprese nell’industria culturale e sostenere il terzo settore che già vi opera: così “Cultura crea”, il programma di incentivi promosso dal MiBACT nell’ambito del Piano Operativo Nazionale FESR 2014-2020 “Cultura e Sviluppo” (Asse prioritario III). Aperto dal 15 settembre, il bando – cui si può partecipare esclusivamente online – è rivolto sia alle nuove idee imprenditoriali che a sostenere lo sviluppo di imprese già operative nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Un finanziamento nuovo e importante distribuito per assi di attività, con una percentuale più alta per le start up che propongano progetti innovativi per la conoscenza, la conservazione, la fruizione e la gestione di beni e attività culturali e che potranno essere finanziati fino a 400mila euro.

“Ad oggi – ha raccontato Dora Di Francesco dell’Autorità di gestione del PON MiBACT – sono più di cinquecento le imprese iscritte al portale di cui circa il 60% ha già presentato il proprio progetto. Per la verità, si tratta di idee ancora un po’ tradizionali mentre l’intenzione è quella di finanziare servizi innovativi per il patrimonio come la fruizione digitale”.

Sulla digitalizzazione del patrimonio culturale italiano è intervenuta proprio Silvia Costa, Presidente Commissione Cultura e Istruzione del Parlamento Europeo, che ha rivendicato il ruolo centrale dell’Italia sulla politica culturale all’interno dell’Unione Europea.

“La politica culturale europea fino al 2013 era sommersa, non c’era nei programmi dei fondi una parola sulla cultura – ha rimarcato la Presidente – ed è solo grazie all’insistenza dell’Italia se le cose sono cambiate. Cerchiamo di far crescere una concezione della promozione culturale più ampia e strategica. Non si va da nessuna parte se non riusciamo a integrarla con tutte le strategie europee. L’Europa non è un bancomat ed è necessario sostenere che ci sia una visione: i progetti vengono prima delle risorse che, altrimenti, sono totalmente sprecate”.

Carlo Corazza, Capo Unità Turismo della Commissione Europea, ha concluso: “A livello europeo il turismo è il settore che sta creando più posti di lavoro”.

È stato conferito questa mattina, nell’ambito di ArcheoLavoro, il “Premio Antonella Fiammenghi”, istituito nel 2007 nel ricordo del Direttore del Parco Archeologico di Velia per gratificare quanti divulgano il turismo archeologico e la Borsa attraverso l’impegno universitario, svolgendo la tesi di laurea sul tema. Ben 14 laureati da nove diverse Università italiane si sono candidati per il Premio, giunto alla decima edizione; tre i vincitoriclassificatisi primi a pari merito che hanno ricevuto il riconoscimento dalle mani di Vincenzo Rocco, consorte di Antonella Fiammenghi: Gennaro Borrelli, per la Tesi di Laurea “Empowerment ed economia sociale nella valorizzazione del patrimonio culturale. Il caso “Pompei” discussa presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, Corso di Laurea Magistrale in Bioetica Interculturale (Anno Accademico 2013/2014), Michela Faletti,per la Tesi di Laurea “L’archeologia in mostra: tre esposizioni temporanee a confronto nell’era digitale” presentata presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, Corso di Laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale (Anno Accademico 2014/2015), Davide Pecoraro,laureato del Corso di Laurea in Scienze dell’Architettura e della Città della Sapienza Università di Roma (Anno Accademico 2015/2016)per la Tesi di Laurea “Musealizzazione del santuario di Santa Venera a Paestum”.

La BMTA è promossa dalla Regione Campania in collaborazione con la Città di Capaccio Paestum, la Provincia di Salerno, il Parco Archeologico di Paestum, la Scabec spa Società Campana per i Beni Culturali e ideata e organizzata dalla Leader srl con la direzione di Ugo Picarelli.

L’omaggio alla straordinaria città carovaniera di Palmira, sito simbolo della tragedia che insanguina il Vicino Oriente, le nuove frontiere della tecnologia virtuale e l’innovazione nelle attività archeologiche, l’occasione di business con il workshop tra la domanda estera selezionata dall’Enit e l’offerta del turismo culturale ed archeologico: saranno questi i momenti salienti della terza giornata della XIX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, in programma a Paestum fino a domenica 30 ottobre 2016.

L’area adiacente al Tempio di Cerere, il Museo Archeologico Nazionale e la Basilica Paleocristiana continueranno ad essere le suggestive location della Borsa promossa dalla Regione Campania in collaborazione con la Città di Capaccio Paestum, la Provincia di Salerno, il Parco Archeologico di Paestum, la Scabec spa Società Campana per i Beni Culturali e ideata e organizzata dalla Leader srl con la direzione di Ugo Picarelli.

I lavori di domani, sabato 29 ottobre, si apriranno con ilWorkshop “Archeologia virtuale ed entertainment per il turista del terzo millennio” organizzato nell’ambito di ArcheoVirtual, la sezione da 10 anni fiore all’occhiello della Borsa, realizzata in collaborazione con l’Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali del CNR, che dedica una Mostra e un Workshop all’archeologia virtuale. A partire dalle ore 10 nel Museo Archeologico si tratterà dell’archeologia virtuale come valore aggiunto in progetti sviluppati nel settore dell’intrattenimento, in particolare spettacoli live e video giochi. Si discuterà di “creative industries” e turismo culturale, delineando una nuova alleanza possibile tra ricerca, istituzioni culturali e imprese. Gli ospiti interverranno presentando due casi esemplari: il progetto europeo sui videogames “Reveal” e il musical rock “Divo Nerone”, quest’ultimo presente con il teaser anche nell’emozionante galleria della Mostra internazionale ArcheoVirtual, quest’anno dedicata al tema del paesaggio.

Sempre presso le sale del Museo Archeologico di Paestum, dalle ore 10 alle 18, avrà luogo il Workshop della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, unico incontro al mondo tra domanda e offerta dedicato al turismo archeologico, riservato ai soli operatori professionali dell’offerta turistica per garantire le migliori opportunità d’affari nell’incontro diretto “B2B” con la domanda internazionale. I buyers selezionati dall’Enit e provenienti da 8 Paesi (Austria, Belgio, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito, Spagna, Svizzera) incontreranno oltre 120 sellers.

In  Basilica, dopo la presentazione delle figure professionali (ore 9.30 – 11.00) con l’intervento del Direttore del Parco Archeologico di Paestum Gabriel Zuchtriegel, alle ore 11è in programma la Conferenza #Unite4Heritage for Palmyra, moderata dal giornalista del “Corriere della Sera” Paolo Conti, con Fayrouz Asaad archeologa e figlia di Khaled al-Asaad, l’archeologo trucidato dall’ISIS. La BMTA ha voluto dedicare infatti alla città siriana la sua XIX edizione, rilanciando l’hashtag#Unite4Heritage (Uniti per il patrimonio culturale) lanciato dall’Unesco affinché anche i social network contribuiscano a creare una sensibilità diffusa sull’importanza di proteggere, tutti insieme, il patrimonio culturale dell’umanità. Alla conferenza interverranno Francesco Caruso Consigliere ai Rapporti Internazionali e all’Unesco del Presidente della Giunta Regionale della Campania, Paolo Matthiae Archeologo e Direttore della Missione archeologica in Siria “Sapienza” Università di Roma, Fabrizio Parrulli Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Mohamad Saleh Ultimo Direttore per il Turismo di Palmira, Andreas M. Steiner Direttore di “Archeo”.

Sempre in mattinata, (Salone Espositivo Sala Velia, ore 10.00 – 11.30) si parlerà di “#ArcheoContratti: il contratto che ho, il contratto che vorrei” a cura di CIA Confederazione Italiana Archeologi; ANA (Associazione Nazionale Archeologi), CONFASSOCIAZIONI (Confederazione Associazioni Professionali) e CONFPROFESSIONI (Confederazione Italiana Libere Professioni) si confronteranno invece su “La nuova sfida delle Associazioni professionali: rappresentanza qualificata e aggiornamento permanente” (Museo Archeologico, ore 12.30 – 14.30).

Dalleore 13.00 in Basilica spazio ad “ArcheoStartup: presentazione di nuove imprese culturali e progetti innovativi”, mentre a partire dalle ore 15 sono in programma gli Incontri con i Protagonistinei quali il grande pubblico potrà interagire con personalità del mondo culturale, importanti archeologi e noti divulgatori della TV: l’archeologo Zahi Hawass (ore 15) intervistato dal Direttore di “Archeo” Andreas M. Steiner, Fayrouz Asaad e Mohamad Saleh intervistati da Stefania Battistinigiornalista del Tg1 (ore 16),il geologo Mario Tozzi (ore 17),lo storico dell’arte Luigi Gallo intervistato da Roberto Ippolito giornalista e scrittore (ore 18).In occasione di quest’ultimo incontro verrà proiettato il cortometraggio “Pompei, eternal emotion” prodottodalla Scabec per conto della Regione Campania.

Nel Salone Espositivo (Sala Cerere ore 18.00 – 19.00) si svolgerà infine la presentazione del libro di Giuliano Volpe, Presidente del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici MiBACT, “Un patrimonio italiano. Beni culturali, paesaggio e cittadini”.

LASCIA UN COMMENTO