Eboli, bonifica dall’amianto al Foro Boario: in mattinata sopralluogo del sindaco Cariello con tecnici, dirigenti e comitato cittadino

0
226

L’ampia e decisa azione di bonifica dall’amianto dall’intero territorio ebolitano è proseguita questa mattina presso l’area del Foro Boario di Eboli. Il sindaco, Massimo Cariello, accompagnato dall’assessore Emilio Masala, insieme con il liquidatore della struttura, Spirito, rappresentante provinciale dell’associazione allevatori, Morese, il comitato “Leviamoci l’amianto dalla testa” con Anna Grimaldi, Adriano Naimoli, Angela Visconti e Giuseppe Lepore ha effettuato un sopralluogo per verificare le operazioni di bonifica integrale in corso.

«Un ulteriore traguardo raggiunto in tema di politiche ambientali – spiega il primo cittadino di Eboli -. Fin dall’inizio del mandato amministrativo abbiamo concentrato energie e risorse sulla salvaguardia dell’ambiente, anche con il supporto del comitato cittadino per la lotta all’amianto che ci è stato vicino e che ringrazio, insieme con il liquidatore Spirito e il dirigente Morese oggi presenti ad Eboli. Abbiamo emesso oltre 170 ordinanze di rimozione forzata dell’amianto, sia in strutture pubbliche, che private, ottenendo un grandissimo risultato, unico in tutto il territorio regionale. Ambiente e salute pubblica vanno di pari passo, la nostra programmazione proseguirà senza soste per garantire ambiente pulito e sicurezza a tutti». L’azione di bonifica dall’amianto sta interessando ormai dall’inizio dell’amministrazione Cariello l’intero territorio comunale, una strada intrapresa con decisione e con decine di atti e provvedimenti. «Oggi le strutture pubbliche ad Eboli sono tutte bonificate dall’amianto – ricorda l’assessore Emilio Masala -, con intervento diretto del Comune. Sulle strutture private abbiamo operato attraverso circa 170 ordinanze, che hanno prescritto i lavori urgenti per eliminare amianto ed agenti inquinanti. Eboli si segnala su vasta scala per la sensibilità verso l’ambiente, un’azione che il sindaco Cariello sta sostenendo con ogni energia per garantire la salute pubblica».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here