Confcommercio Campania risponde alle misure anticrisi della Regione Campania a sostegno delle imprese.

0
365

Il Piano Socio-Economico approvato dalla Regione Campania ha un indubbio valore sul piano dell’assistenza alle fasce più deboli della popolazione, ma non è lo strumento adatto per dare respiro alle imprese, travolte dall’emergenza Coronavirus. Questa è la posizione assunta dal Consiglio Direttivo della Confcommercio Napoli, che si è riunito in videoconferenza, con la partecipazione dei Presidenti provinciali di Caserta e Salerno, Lucio Sindaco e Giuseppe Gagliano, per fare il punto sui provvedimenti della Regione e del Governo, oltre alle iniziative da mettere in campo per far ripartire le imprese. “Onde evitare la scomparsa di gran parte delle imprese campane e dei posti di lavoro, occorrono misure assai più incisive” – tuona il commento unanime che si evince dal confronto avuto. Entrando nello specifico, le misure anticrisi previste dal piano sono insufficienti a raggiungere tutte le imprese che ne hanno bisogno: il bonus di 2000 euro alle microimprese potrà soddisfarne solo 40.000, a fronte delle oltre 300.000 attive in Campania. Mancano interventi a sostegno delle piccole imprese che impiegano da 10 a 50 dipendenti. Nel prevedere un contributo di 300 euro al mese ai lavoratori stagionali del settore ricettivo, ci si è dimenticati degli stagionali del commercio, della ristorazione e degli stabilimenti balneari, decine di migliaia di lavoratori privi di qualsiasi copertura.Alla Regione, abbiamo rappresentato nuovamente quelle che sono, a nostro avviso, le priorità: alleggerire l’IRAP sulle imprese; prevedere contributi diretti commisurati al calo di fatturato; sospendere tasse, canoni ed addizionali regionali” – spiega Giuseppe Gagliano, Presidente Confcommercio Campania – sede di Salerno.
Il giudizio della Confcommercio, pertanto, resta sospeso, in attesa di un provvedimento specificamente mirato al sostegno alle imprese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here