“Tasso” e “Severi” in Soprintendenza per i Tre Compari Musicanti di Paolo Apolito. Viaggio nel Patrimonio Culturale Immateriale

Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Incontro culturale di fine anno in Soprintendenza a Salerno, nella Sala “Mario A. De Cunzo” in scena lo spettacolo dei “Tre Compari Musicanti“ di Paolo Apolito. L’iniziativa, a cura della Soprintendenza ABAP per le province di Salerno e Avellino, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Politici e Sociali/UNISA e l’Associazione UNI in STRADA, ha visto la partecipazione dei giovani studenti dei Licei “Tasso” e “Severi”.

Lo spettacolo, tratto dal romanzo scritto e interpretato dallo stesso prof. Apolito, insieme a Floriana Attanasio, voce e tamburo, e Antonio Giordano, voce, zampogna e chitarra battente, parla dei contadini della Lucania, in un momento di profonde trasformazioni a cavallo tra XVIII e XIX secolo. Le loro storie, interpretate in un’alternanza di voci, musiche e canti, rivivono attraverso la storia di Teresa, di suo padre Nunzio, suonatore di zampogna, e delle tante famiglie contadine i cui destini si incrociano formando la trama di una storia che è la storia di tutti i Sud dell’Italia caratterizzata dall’esclusione sociale, dalla miseria economica e sociale e dalla subalternità culturale negli anni della costituzione dello Stato italiano che non cesseranno se non dopo la seconda guerra mondiale.

Paolo Apolito ha insegnato Antropologia culturale all’Università di Roma Tre e all’ Università di Salerno, dedicando particolare attenzione ai fenomeni religiosi e rituali, alle feste ed ai ritmi musicali della civiltà contadina.

All’incontro hanno pertecipato: Raffaella Bonaudo, Soprintendente ABAP di SA e AV, Rosa Maria Vitola, funzionario responsabile settore demoetnoantropologico e beni immateriali della SABAP di SA e AV, Katia Ballacchino, Professore Associato di discipline demoetnoantropologiche (DiSPS) presso l’Università degli Studi di Salerno, Carla Maurano, membro del Comitato Internazionale sul Patrimonio Immateriale ICH e dell’Associazione UNI in STRADA di Salerno e Michele Faiella, funzionario per la Promozione e Comunicazione della SABAP di SA e AV.

L’evento è servito per promuovere, valorizzare e trasmettere, soprattutto alle giovani generazioni, il valore di un patrimonio culturale, quale appunto quello dei beni immateriali, fondamentale per il recupero della nostra identità culturale e delle nostre tradizioni oltre che della nostra storia sociale e politica. Preziosa, quindi, è stata la partecipazione dei giovani studenti salernitani del Liceo Classico “T. Tasso” e il Liceo Scientifico “F. Severi”, con i quali spesso la Soprintendenza di Salerno e Avellino ha condiviso incontri ed eventi culturali.