Salernitana, brutto stop interno

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

All’Arechi passa il Torino, sconfitta la Salernitana per 3-0.

Seconda vittoria di fila per il Torino che sale in piena zona Europa League a quota sette in classifica mentre gli uomini di Paulo Sousa rimediano il loro secondo ko consecutivo e restano al penultimo posto con due soli punti.

All’intervallo la Salernitana è sotto 2-0 all’Arechi contro il Torino. A sfiorare per prima la via della rete è la compagine di casa con Candreva che impegna Milinkovic-Savic dopo nemmeno dieci minuti.

La squadra di Juric tiene maggiormente il pallino del gioco e sugli sviluppi da corner poi sblocca il punteggio grazie a Buongiorno. Col passare dei minuti, gli uomini di Paulo Sousa prova a reagire con un tiro di Mazzocchi che si perde a lato di poco e a fine tempo subiscono anche il raddoppio del Toro con un destro chirurgico di Radonjic.

Non si fa attendere in pieno recupero la reazione della formazione di casa con Cabral che colpisce in pieno il palo dall’interno dell’area.

Dopo un primo tempo indirizzato dai gol di Buongiorno e Radonjic, nella ripresa la squadra di Juric realizza il terzo gol ancora con Radonjic e poi amministra il gioco senza mai riscontrare grosse difficoltà.

I padroni di casa fanno infatti fatica a rendersi pericolosi, con la squadra di Juric che si difende bene e in contropiede si vede annullare anche la terza rete di giornata di Radonjic per fuorigioco.

Al termine della gara, a Dazn, interviene l’allenatore della Salernitana, Paulo Sousa. Queste le sue parole:

La Salernitana deve lavorare sulla mentalità?
“C’è la mentalità, abbiamo provato fino alla fine, questo fa parte della qualità, della nostra crescita. Diversi episodi ci hanno condizionato. Abbiamo preso un goal da angolo secondo me evitabile. Dopo perdiamo un pallone e ci fanno il secondo. Il Torino ha molta qualità e maturità di squadra. Possiamo finire il primo tempo sul 2-1. Solo quando il Torino ha fatto i cambi abbiamo giocato nella loro metà campo. Loro hanno meritato il risultato. Qualcuno mi ha detto che c’era un rigore netto, ma non voglio parlarne. Tutti questi episodi possono condizionare. Ora che lo vedo credo che sia chiaro, ma l’arbitro ha preso una decisione diversa”

Per le prossime partite cosa si porterà dietro?
“C’è una grandissima connessione con i tifosi, ci hanno incitato fino alla fine. Mi dispiace per la città, per i miei ragazzi, abbiamo lavorato bene durante quest’ultima settimana. Occorre lavorare e ora puntiamo a venerdì”.

Ambiente negativo attorno alla squadra?
“Abbiamo lavorato bene, c’è un senso d’unione molto buono, dobbiamo continuare così”.

Può avere influito la situazione di Dia?
“L’ho già detto, parlo con naturalezza, dobbiamo ripartire. L’inizio di stagione è stato complicato, adesso sta a noi cambiare questo andamento e abbiamo tutte le qualità per poterci riuscire”.