XXVIII TRITTICO DEL SOLE. IL TROFEO “ANGELO MARIA BELMONTE” VINTO DALLO YACHT “OSSODURO” DI FRANCESCO D’AMBROSIO

0
694

“Ossoduro”, la bellissima barca a vela dell’armatore Francesco Saverio D’Ambrosio, ha vinto la ventottesima edizione del “Trittico del Sole”, che da diciotto anni è legata al “Trofeo Angelo Maria Belmonte”, l’imprenditore salernitano esperto e appassionato di vela, scomparso diciotto anni fa, socio fondatore dello Yachting Club Salerno, marito dell’avvocato Diana De Bartolomeis, Vicepresidente del sodalizio presieduto dall’avvocato Luigi Gabola che ha ricordato che il “Trittico Del Sole” è diventato un evento di spessore nazionale: ”Un evento sportivo imperdibile”. E’ stata proprio la Vicepresidente Diana De Bartolomeis Belmonte, insieme alle due figlie Serena e Veronica Belmonte, a premiare, l’armatore Francesco D’ambrosio che ha vinto, per il primo anno,   il “Trofeo Angelo Maria Belmonte”, un Challenge assegnato a titolo definitivo all’armatore che si aggiudica per tre edizioni consecutive il “Trittico del Sole”. Emozionato, l’armatore D’ambrosio che è arrivato primo nella classe ORC d’altura disputando anche l’ultima delle tre regate previste, che è stata particolarmente impegnativa, sia per la lunghezza della stessa (12 miglia), sia per il vento da sud ovest, poco costante, che da 5 nodi è andato poi rinforzandosi nel corso della regata, fino a raggiungere punte di 10 nodi, in particolar modo, nei pressi della boa di Capodorso. Il dottor D’Ambrosio ha ricevuto, virtualmente, il prestigioso trofeo in argento durante l’elegante serata di gala che si è tenuta sabato sera nella sede dello Yachting Club, all’interno del Porto Masuccio Salernitano, alla presenza degli equipaggi delle imbarcazioni che sabato 2 e domenica 3 giugno, hanno disputato le tre prove previste. Seconda classificata nella classe ORC l’imbarcazione “Ice Spray” dell’armatore Antonio Chiodero. Terza classificata l’imbarcazione “Stars” dell’ingegnere Guglielmo Marazziti.   Nella categoria Libera I Gruppo si è piazzata al primo posto la barca “Temporanea” di Serena Carluccio e Gennaro Napoli. Nella categoria Libera II Gruppo si è piazzata prima la barca “Finalmente” dell’armatore Francesco Bove. A presentare con grande simpatia e competenza tecnica i premiati è stato il Presidente del Club Avvelenati”, Mimmo Maiorino che ha chiamato i velisti vincitori ai quali sono state consegnate coppe e trofei. Il Trofeo Challenge in memoria del velista Gianfranco Tortolani, è stato vinto dall’imbarcazione “Finalmente” di Francesco Bove. Premiati anche gli equipaggi delle imbarcazioni “Acquapazza” di Alessia Oricchio; “Vai Mo’” di Flavio Sapienza; “My Toy 3” di Guido Pastore e “Nastro Azzurro” di Giovanni Carleo.

Alla serata hanno partecipato tanti amici che hanno sempre seguito e sostenuto l’importante manifestazione velica: l’Onorevole Fulvio Bonavitacola, Vice Presidente della Regione Campania, che ha ricordato che nel mese di luglio del 2019 si terranno in Campania le Universiadi:” Una sfida importante Dobbiamo cogliere questo evento per proporre all’Italia e al mondo l’immagine di una Campania multicolore che guarda con fiducia al futuro. Lo sport è rimasto l’unico piccone che abbatte i muri, avvicina i popoli e riafferma i valori”; il Presidente dell’Autorità Portuale dei porti di Napoli – Salerno e Castellammare, il dottor Pietro Spirito, che ha sottolineato l’importanza della mission dello Yachting Club:” Fa un servizio utile alla Comunità che serve e far crescere i giovani educandoli ai valori dello sport”. Anche il dottor Nello Talento, Consigliere Nazionale del CONI ha parlato di Universiadi:” Parteciperanno circa 180 Paesi. Sarà anche un momento di promozione del territorio. Sicuramente vinceremo anche questa sfida”. L’Onorevole Guido Milanese ha sottolineato l’importanza della manifestazione : ”Bisogna fare le cose, ma prima di tutto bisogna farle bene. Ogni anno questo premio è cresciuto nella sua importanza e testimonianza sportiva sul territorio di Salerno. Il collante dello sport è oggi un elemento importante e fondamentale per salvare la nostra società. Manifestazioni come queste tendono a tenere alti quei valori che si stanno perdendo”. Il Sindaco di Salerno, l’architetto Vincenzo Napoli, ha spiegato che bisogna sempre più puntare sull’economia del mare e ricordato il ripascimento della fascia costiera, partito con il primo lotto nella Zona Orientale:” Arriverà fino alla spiaggia di Santa Teresa: siamo riusciti a far crescere di circa trenta metri la spiaggia ricaricandola di sabbia bianca che dà un gran bel colpo d’occhio”. Il Tenete di Vascello Antonio Gallo, ha portato i saluti del Comandante Giuseppe Menna e sottolineato l’importanza del premio:” La Guardia Costiera è sempre vicina a queste manifestazioni organizzate da circoli sportivi che inculcano nei giovani l’amore per il mare e per la vela: vorrei vedere più bambini e più vele nel nostro mare”. Il Presidente della Quinta Zona Regionale Campana della Federazione Italiana Vela, Francesco Lo Schiavo, ha apprezzato ancora una volta la manifestazione: “Fa parte ormai della storia velica dell’intera Regione. I Circoli di Salerno riescono a promuovere la vela   nella città con importanti manifestazioni come quella del “Trittico del Sole” Come Federazione stiamo lavorando per dare il meglio per il nostro sport anche durante le Universiadi”. Il professor Francesco D’Episcopo, già Docente di Letteratura Italiana all’Università Federico II di Napoli, ha ricordato il suo amore per il mare: ” Noi siamo nati dal mare che è il silenzio della solitudine, l’incontro con se stessi, la sfida, l’audacia; lo cerchiamo disperatamente e poi naufraghiamo in questo mare infinito che è la nostra vita ”. Oltre alle autorità presenti, hanno premiato i velisti vincitori: il dottor Secondo Squizzato; la concertista Giuseppina Gallozzi; il dottor Alfonso De Francesco; la professoressa Patrizia De Bartolomeis; Veronica e Serena Belmonte, il Presidente del Club Velico Salernitano, Francesco Barra, il dottor Pasquale Albano e il dottor Raffaele Ansalone. Un riconoscimento per la loro bravura, professionalità e puntualità è stato dato ai Giudici di Regata :Ferdinando Picariello, Francesco Landi e Raffaele Cirillo. (FOTO MATTEO MARESCA).

Aniello Palumbo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO