Arsenal Salerno, poker alla Real Marchesa.

0
25

stemmaarsenalsalernoQuattro reti e musica e testi di Somma e Gioia. Potrebbe essere questo il titolo della giornata d’oro dei due attaccanti picentini, che regalano a mister Pinto tre punti d’oro sul difficile e ostico campo di Poggiomarino contro la Real Marchesa.

E’ al sesto che si sblocca subito la situazione con bomber Somma che di testa depone in rete il pallone dell’uno a zero sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Gorga. Al sedicesimo è ancora Somma che servito da “motorino” Garaffa, ci prova di nuovo, ma il portiere avversario è attento e smanaccia di poco a lato il tiro insidioso dell’attaccante dell’Arsenal Salerno. E’ al ventesimo che il Real Marchesa prova a svegliarsi, con una bella verticalizzazione orchestrata da Conò, che smarca Matrone, di poco fuori area, che con un rapido passaggio prova a servire Giorgio, che però non è preciso nella finalizzazione. Al 22esimo è invece Gioia, che ben servito da Somma, manca il bersaglio per pochi centimetri. Al 27esimo è ancora Somma, che regala il sorriso ai rossoblu; con un passaggio lesto e preciso di Saggese, bomber Somma entra in area e come un “cobra” beffa il portiere Belcuore, che non può nulla di fronte al destro velenoso dell’attaccante: 2 a 0. Sullo scadere del primo tempo, l’attaccante dei biancocelesti Giorgio, prova ad accorciare le distanze ma il tiro è debole e Petrelli in area respinge senza problemi: primo vero pericolo per l’Arsenal Salerno.

Nel secondo tempo, mister Acunzo prova a dare brio e velocità ad una manovra apparsa nel primo tempo poco lucida e sconfusionata, inserendo Pesce e Accardo. All’ottavo del secondo tempo è il numero 10 Matrone che tenta la botta da fuori area e per poco non sta per beffare Petrelli. Real quindi più intraprendente e maggiormente pungente in questa prima fase del secondo tempo, che però non riesce a mantenere i nervi saldi e infatti Accardo perde la testa, commettendo una leggerezza e un fallo inutile su Iacoletti, che l’arbitro redarguisce con una espulsione: Real Marchesa in 10. Poco dopo, l’arbitro manda negli spogliatoi mister Acunzo per proteste, mentre cinque minuti più tardi è Noschese, che dalla panchina dell’Arsenal Salerno per proteste viene mandato negli spogliatoi dall’arbitro della sezione di Nola. Dopo alcuni minuti di black out e Real Marchesa in dieci, è di nuovo Gioia, che servito da Garaffa in area, calcia con potenza sul portiere avversario: Arsenal di nuovo vivo. Poco dopo è ancora “pugno” Gioia che al 28esimo manda di poco alto sulla traversa, ma al 34esimo non sbaglia e con un bel pallonetto insacca il terzo goal per l’Arsenal, ma non finisce qui, perchè al 39esimo raddoppia e trova il quinto sigillo stagionale dopo due mesi di stop. Termina 4 a 0 per l’Arsenal Salerno ed è gioia infinita per la dirigenza che festeggia con la squadra il quarto risultato utile consecutivo. Da segnalare la presenza in campo dei due 95 De Caro e Genovese che si sono egregiamente disimpegnati in campo.

Queste le parole del dg Giuseppe Palo a fine gara: “Complimenti a mister Pinto e ai ragazzi. E’ stata questa la vittoria del gruppo ottenuta su un campo difficile per ambiente e squadra ostica. Voglio ricordare che hanno giocato in campo due 95 De Caro e Genovese che si sono ben destreggianti in campo. Voglio inoltre complimentarmi con bomber Somma, perchè ha ritrovato il goal dopo diversi infortuni e dopo aver subito critiche ingenerose. Continuiamo su questa strada e forza Arsenal Salerno.”

Real Marchesa 0

Belcuore – Cangianiello – Dati – Conò (Evacuo)– Battaglia – Gallo (Accardo)– Auricchio (Pesce)– Buondonno – Giorgio – Matrone – Langella. All. Acunzo

Arsenal Salerno 4

Petrelli – Porpora (Capezzuto)– Garaffa – Gorga – Coccorullo – Palumbo (Genovese) – Saggese – Iacoletti – Somma – Gioia – Giraulo (De Caro). All. Pinto

Marcatori.: Somma (A) 6′ e 27′ p.t. Gioia (A) 34′ e 39′ s.t.

Ammoniti.: Auricchio (R.M.); Giorgio (R.M); Dati (R.M.)

Espulsi.: Accardo (R.M.); Buondonno (R.M.);

Note.: Espulsi per proteste l’allenatore Acunzo del Real Marchesa e Vito Noschese dell’Arsenal Salerno.

Spettatori 80 circa

LASCIA UN COMMENTO