Volti sempre più familiari per il terzo appuntamento del corso di formazione gratuito sull’abuso lanciato da Spazio Pueblo. Prossimo giovedì 25.

0
239

La sala di S. Maria al Rifugio si popola di volti oramai conosciuti, gli ospiti si scambiano saluti dopo essersi visti e conosciuti già durante i primi giorni di questo corso di formazione su abuso e violenza di genere lanciato da Spazio Pueblo, che ormai è alla metà del suo percorso.

Per il terzo appuntamento di ieri sera 23 ottobre, la relatrice in qualità di docente è stata la Dott.ssa Maria Teresa Belmonte, Magistrato di Cassazione, che così ha aperto il suo intervento: “Le donne sono molto migliorate in questi anni nella capacità di fare rete. Dobbiamo ancora avanzare continuando a diffondere formazione, informazione, cultura“. Si pone dunque l’accento sul ruolo delle donne, che è bene trovino forza e solidarietà anzitutto nella comunità femminile, per affrontare sempre meglio il forte problema sociale dell’abuso di genere.

Il prossimo momento di formazione avverrà domani Giovedì 25/10 e sarà di tutt’altro tipo: l’Artista sociale Ico Gasparri offrirà infatti un punto di vista diverso da quelli più tecnici e giuridici degli scorsi appuntamenti. Con una serie di scatti in bianco e nero di tanti cartelloni pubblicitari incontrati per le strade di Milano, ci mostrerà come queste immagini pubblicitarie contribuiscono alla costruzione di un tremendo stereotipo femminile in cui il corpo della donna è visto come mero oggetto del maschio consumatore.

La forte partecipazione dimostra la volontà da parte di molte persone di formarsi sulla questione della violenza di genere, obiettivo principale per poter qualificare operatori specializzati della futura Casa delle Donne

Spazio Pueblo propone un corso di formazione gratuito, con incontri due volte a settimana (Martedi e Giovedi dalle ore 19.00 alle ore 21.30) che si terrà presso il Complesso Munumentale Santa Maria al Rifugio in Cava de’ Tirreni a partire dal giorno 16 Ottobre prossimo fino al 1 Novembre. 

Il corso vuole puntare alla creazione di competenze all’interno di una rete, quella degli operatori sociali, in grossa difficoltà nella gestione dei servizi territoriali.

Ai frequentanti sarà rilasciato attestato di partecipazione.

Aderiscono al progetto in qualità di docenti: Chiara Minerva (Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno); il magistrato di Cassazione Maria Teresa Belmonte; gli psichiatri-psicoanalisti Vincenzo De Leo e Federico PerozzielloIco Gasparri (Artista sociale).

LASCIA UN COMMENTO