Salviamo il Paesaggio, appello al Vicesindaco di Capaccio-Paestum.

0
55

Veduta_di_Paestum_2010pubblichiamo qui di seguito l’appello rivolto da Maria Vitacca, del Forum Nazionale “Salviamo il Paesaggio”, al Dr. Nicola Ragni, Vicesindaco del Comune di Capaccio, che comprende all’interno del suo territorio gli Scavi di Paestum.

Gentile Dott. Ragni,

in occasione della prossima celebrazione della sedicesima Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, a Paestum, Le porgiamo il nostro vivo apprezzamento per i pregevoli e significativi contenuti di questa importante manifestazione , rinnovandoLe il nostro impegno a tutela della bellezza italiana ed in particolare di quella meridionale della cui unicità e ricchezza Paestum e Portici ,seppure con caratteristiche differenti, sono simboli molto, molto eloquenti.

Paestum, aperta tra le colline ed il mare tra i ruderi delle sue mura,”là dove la Grecia respira ancora”,rappresenta ,in particolare,” il valore, il significato della Grecia come radice storica della cultura moderna”e , come tale,essa deve essere messa in grado di esprimere pienamente e dignitosamente questa sua magnifica eredità storica.

Certi che la Sua Amministrazione operi a 360 gradi in tal senso, auspichiamo che la valorizzazione di questo importante contesto sia particolarmente sensibile anche alle urgenze legate alla tutela del paesaggio pestano da preservare con forza e decisione dai fenomeni di degrado sociale e di cattivo cemento purtroppo riscontrabili in alcune zone limitrofe e lungo le strade che conducono alla città e ai suoi scavi archeologici.

Convinti della necessità di coniugare la rivendicazione di una mobilità equa e sostenibile con il rispetto del paesaggio, ci auguriamo che il recupero anche funzionale degli antichi immobili della stazione di Paestum continui con successo rimanendo a disposizione di quanti vorranno lealmente condividere questa difficile battaglia in nome dell’articolo9 della nostra Costituzione.

Infine,esprimendoLe soddisfazione per la imminente riapertura, nella zona della foce del Sele,del museo narrante del Santuario di Hera Argiva,nel ricordo del suo scopritore,il grande archeologo e studioso meridionalista , Umberto Zanotti Bianco,la salutiamo cordialmente e con fiducia.

Maria Vitacca