Jairo-Mediterraneo, Stazione Dohrn e Sea Shepherd per monitorare le tartarughe marine nel Cilento.

0
916

Presentata nel Centro Ricerche Tartarughe Marine SZN di Portici la “Campagna Jairo-Mediterraneo” di Sea Shepherd per il monitoraggio e la tutela dei nidi delle Tartarughe sulle spiagge del Cilento. Annunciata durante la Conferenza Stampa la cooperazione tra la Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e Sea Shepherd Italia che permetterà di unire le competenze scientifiche per lo studio e la conservazione delle tartarughe marine dell’Ente di Ricerca partenopeo con l’efficacia, la preparazione e l’entusiasmo dei volontari dell’organizzazione internazionale no-profit, per realizzare due mesi di monitoraggio delle spiagge del Cilento nel periodo di massima probabilità di nidificazione.

Soddisfatti i rappresentanti della SZN per l’imminente collaborazione che vedrà in campo 70 volontari nazionali e internazionali della Sea Shepherd.

<<Proseguiamo spediti verso il nostro grande obiettivo: dare maggiore visibilità alla ricerca e alla tutela delle tartarughe marine. Operando in un’area come quella del Cilento, che ci sta sorprendendo per i dati di nidificazione, manteniamo fede alla nostra mission per contribuire ad una maggiore consapevolezza e sensibilità per un’educazione ambientale contro la distruzione dei nidi.

Con la “Campagna Jairo-Mediterraneo”, siamo certi di sovvertire in positivo dati negativi rilevati gli anni scorsi>>, ha dichiarato Vincenzo Saggiomo, Direttore Generale Stazione Zoologica Anton Dohrn  di Napoli.

“La Campagna Jairo-Mediterraneo” sarà un programma intenso di perlustrazione delle coste cilentane le quali, nel corso di pochi anni, hanno registrato un esponenziale aumento delle nidificazioni di tartaruga marina (da 1 nido ogni 2/3 anni si è giunti registrare 10 nidi in una sola stagione). Comunicazione costante ed interscambio di esperienze e conoscenze saranno la base di questo lavoro. I volontari dell’organizzazione no-profit avranno l’importantissimo compito di individuare tutti i tentativi di nidificazione che avverranno nell’area monitorata. Ogni segnalazione sarà trasferita prontamente alla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli che, unico Ente in Campania autorizzato a effettuare interventi di cura dei nidi ai fini scientifici e conservazionistici, invierà i propri specialisti per mettere in atto tutte le misure necessarie per lo studio e la protezione del sito.  << Il nostro scopo comune sarà quello di scoprire al tempo debito più nidi possibili. Aumentando sensibilmente l’opera di monitoraggio, al tempo della deposizione, come Stazione Zoologica Anton Dohrn provvederemo affinché tutti i nidi vengano protetti per giungere al momento della schiusa senza che subiscano impatti antropici negativi. Solo così, controllando ciascuna fase, arriveremo al rilascio in mare dei piccoli neonati di tartaruga marina in assoluta sicurezza>>, ha specificato la Dottoressa Sandra Hochscheid, Responsabile Centro Recupero Tartarughe Marine dell’Anton Dohrn- Portici. Dati recenti dimostrano che, in assenza di un pattugliamento delle coste, molti nidi sono individuati solamente al momento della schiusa. Purtroppo, prive dell’adeguata protezione le uova sono esposte a notevoli rischi, dovuti principalmente all’intensa fruizione turistica dell’area, che possono ed hanno provocato una mortalità anche superiore al 60%.  La “Campagna Jairo-Mediterraneo” di Sea Shepherd, ribattezzata così in onore di un giovane attivista, Jairo, ucciso in Costa Rica proprio durante un pattugliamento per salvaguardare i nidi di tartarughe dal mercato nero,  è stata tenuta a battesimo dal suo Capitano

Peter Hammarstedt, comandante della “Bob Barker”, una delle navi dell’Organizzazione che fa parte della Flotta di Nettuno, e Direttore delle Campagne di Sea Shepherd  Global, presente a Portici per questa storico gemellaggio: <<Napoli è una città molto speciale, i volontari della Campania hanno particolare attenzione per questo progetto. Grazie a loro e a tutto il nostro team possiamo proseguire in questa attività capillare, costante ed entusiasmante. Indispensabili per noi restano l’operato instancabile e il gran cuore dei nostri sostenitori>>.

Grazie alla lungimiranza di Andrea Morello, Coordinatore Italia Sea Shepherd Global, e alla attività  minuziosa anche di tutto il personale dell’ENPA,  rappresentata da Massimo Moffa,  Consigliere e Coordinatore Campania ENPA, la giornata di presentazione  della “Campagna Jairo-Mediterraneo”  ha visto il sostegno ufficiale della Regione Campania  nella persona di Raimondo Santacroce, Dirigente Unità Parchi e Ambiente Marino: <<L’intento è quello di contribuire alla protezione e alla tutela dello sviluppo  della biodiversità, rispettando le direttive europee in ogni nostro piano strategico, grazie alla sinergica collaborazione tra  Enti come la Stazione Zooloogica Anton Dohrn di Napoli e realtà internazionali come la  Sea Shepherd >>.

La Campagna Jairo Med potrà avvalersi anche della preziosa collaborazione dei volontari Enpa di Salerno che pattuglieranno i nidi a stretto contatto con Sea Shepherd, anche grazie all’esperienza acquisita negli anni con tartarughe caretta caretta. I volontari di Sea Shepherd che prenderanno parte a Jairo Med hanno partecipato ad una giornata di formazione preparatoria al monitoraggio ed alla protezione dei nidi di tartaruga marina tenuta dal biologo Fulvio Maffucci, una giornata di preparazione intensa ed emozionante per i ‘pirati’ che, a partire dai primi di giugno potranno mettere in pratica le nozioni acquisite nel corso della lezione.

LASCIA UN COMMENTO