Petrus, opera di Alfredo Capozzi dedicata al santo Patrono di Cetara, esecuzione giovedì 28.

0
550

Ha composto un’opera, “Petrus”, che, dedicata al santo patrono di Cetara, San Pietro, e donata alla cittadinanza del paese costiero, sarà eseguita giovedì 28 giugno, in piazza San Francesco, nell’ambito dello spettacolo musicale del Premiato Concerto Bandistico “Città di Gioia del Colle” (ore 22.30), alla vigilia della festa patronale. L’autore è il maestro Alfredo Capozzi, affermato musicista originario del suggestivo borgo marinaro.

“Petrus” è il suo viaggio attraverso la storia, la cultura, le tradizioni di Cetara: «Ho provato a mettere in musica una piccola parte delle emozioni, che ho percorso durante la mia esistenza, legate alla festività patronale di San Pietro – spiega Capozzi – che per i cetaresi rappresenta la vetta emotiva per sentirsi parte integrante delle storie e delle tradizioni del paese. In “Petrus” – aggiunge il maestro – ho cercato di inserire aspetti che sin dai primi momenti di coscienza popolare, mi sono rimasti dentro come eco di tale festività».

Musicista trasversale, Alfredo Capozzi spazia nel settore musicale, sia classico che moderno, ricoprendo ruoli di compositore, produttore, arrangiatore, fonico, giornalista, didatta, consulente. Oltre a produrre in proprio opere afferenti ai più disparati generi musicali, cura la realizzazione musicale e tecnica delle produzioni audio dell’etichetta PM Records.

Come compositore ed orchestratore ha lavorato con alcuni ensemble acustici, come il Quintetto di ottoni del Teatro San Carlo di Napoli, e diverse corali ed orchestre della provincia di Salerno. Tra gli altri, è stato orchestratore e direttore d’orchestra dello spettacolo musico – teatrale “Napulitanamente Ammore” tenuto a Séte, in Francia, e ha scritto le musiche originali per spettacoli della compagnia teatrale “Piccolo Teatro al Borgo” di Cava de’ Tirreni, poi messi in scena in diverse città italiane. Docente presso il Liceo musicaleAlfano I” di Salerno, ha insegnato Informatica Musicale e Tiflologia Musicale presso il Conservatorio di Musica di Salerno ed ha svolto corsi per conto del Miur. È l’ideatore dell’innovativa metodologia educativa per i non vedenti, “Musica Parlata”, che ha avuto diversi riconoscimenti sia nazionali che internazionali.

LASCIA UN COMMENTO