Premio #beethechange2023, dedicato alla memoria del Preside Antonio Carosella, a Filippo Rotondo e Nino Nacchia. Il commento del magistrato Luigi Riello: “Un premio per volare alto!”

Dopo il successo del 2023 Vittoria Assicurazioni, in occasione del Torneo Italiano di Beach Rugby, torna sulle spiagge d’Italia con il Vittoria for Women Tour con Federazione Italiana Rugby e Specchio dei tempi. In ogni tappa sarà possibile sostenere la lotta contro i tumori femminili con una donazione, fare una visita senologica gratuita e divertirsi al Vittoria Village.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno

Filippo Rotondo e Nino Nacchia sono stati i vincitori del “Premio #beethechange2023” premiati sabato mattina presso l’Auditorium Rita Levi Montalcini del “Liceo Scientifico Francesco Severi “di Castellammare di Stabia diretto dalla Dirigente Scolastica Elena Cavaliere che ha immediatamente accettato di ospitare la cerimonia di premiazione presso l’istituto frequentato da  1850 alunni:” Il Preside Carosella è stato un esempio per tutta la comunità di Castellammare: tanti suoi studenti oggi occupano ruoli apicali nell’ambito delle loro professioni”.   Il Premio, che ha l’obiettivo di far conoscere e premiare giovani tra i 16 e i 30 anni, è stato vinto da Nino Nacchia, per la categoria 16-19 anni – Scuole Medie Superiori, alunno del liceo scientifico “Mons. B. Mangino” di Pagani, che ha ringraziato i suoi genitori e i docenti della sua scuola, mentre per la categoria 20-30 è stato vinto da   Filippo Rotondi dell’Università di Verona, che vive a Milano, che ha ringraziato la sua famiglia e gli organizzatori del Premio.   Menzione speciale per quattro studenti del Liceo Severi: Francesco Covito, Alfonso Palomba, Miriam Gnasso e Maria Ingenito che hanno sviluppato una app per calcolare l’impatto ambientale degli acquisti che facciamo ogni giorno. Menzione speciale anche per il dottor Valerio Orfeo dell’Associazione Onlus AIRO, impegnata in Africa per guarire tante persone affette da patologie gravi legate alla vista. Il dottor Orfeo, Past President rotaractiano, ha spiegato che l’associazione AIRO è stata fondata dal padre oculista Vincenzo nel 2004:” È nata per motivi umanitari: un gruppo di medici oculisti volontari per quindici giorni l’anno si dedica alla prevenzione e alla cura dei pazienti africani. In questi anni, nei villaggi del Madagascar, grazie al nostro lavoro, “sporcandoci le mani”, siamo riusciti ad ottenere risultati importanti”. Il dottor Massimo Carosella ha spiegato la consistenza dei premi vinti:” Nino Nacchia avrà l’opportunità di accedere ad un programma di soggiorno studio all’estero nell’estate del 2024, mentre Filippo Rotondo avrà l’opportunità di seguir stage formativi presso le imprese partner dell’iniziativa”. Riconoscimento di eccellenza della cultura e del lavoro assegnato al dottor Giovanni Lombardi fondatore e presidente del “Gruppo Tecno” di Napoli che per la sesta volta consecutiva, dal 2018, è tra le sette aziende italiane vincitrici, con la qualifica Gold, del Best Managed Companies Award, premio per le eccellenze imprenditoriali del Made in Italy Piccola Industria di Confindustria. Il Gruppo del dottor Lombardi ha anche avviato importanti partnership con enti museali come per esempio il Museo Real Bosco di Capodimonte:” Alcune opere del Museo sono esposte a Parigi nella mostra “Il Louvre invita il Museo di Capodimonte. Napoli a Parigi” ha raccontato il dottor Lombardi che attraverso la sua attività imprenditoriale è ormai un punto di riferimento per tanti giovani:” Il Gruppo Tecno ha co-ideato e finanziato il primo Apple Foundation Program, un percorso di formazione che sposa la cultura classica e i nuovi linguaggi comunicativi. Esistono una Napoli e una Regione diversi: tutti noi meridionali da Napoli possiamo offrire le nostre competenze a tutto il mondo”.

Il Premio #beethechange2023, di cui quest’anno si celebra la quarta edizione, ideato fin dal 2013 dalla “Società Carosella Group” è dedicato alla memoria del Professor Antonio Carosella (1923-2012), Dirigente Scolastico in Licei della Campania e Governatore del “Distretto Rotary 2100”, nell’anno sociale 1998-1999, come ha ricordato il dottor Massimo Carosella ideatore e curatore del Premio insieme alla moglie, la dottoressa Francesca Picardi:” “Carosella Group” è un gruppo internazionale di società di consulenza impegnate nello sviluppo di soluzioni tecnologiche nell’area Environment, Social, Governance (ESG), con particolare riguardo a sostenibilità e Risk Management. È stato fondato nel 2008 e ha sede principale negli Stati Uniti, da dove gestisce centralmente le attività di ricerca e sviluppo e di distribuzione delle soluzioni personalizzate basate sulla propria piattaforma software Bee (Business environment ethics), al cui nome si richiama quello del Premio che vuole premiare chi, grazie al proprio impegno etico, possa ragionevolmente incidere positivamente sul sociale determinandone un cambiamento positivo e duraturo. Ci auguriamo che questo Premio possa estendere ulteriormente il suo ambito di azione grazie anche a partnership con organizzazioni estere. Il nostro Gruppo coordina e dirige l’attività delle sue sedi anche in Italia e nel Regno Unito”. Non semplice il lavoro del Comitato Tecnico Scientifico, come ha spiegato il Segretario del Comitato, l’avvocato rotaractiano Sveva Borrelli:” Oltre quaranta sono stati i progetti, ispirati all’etica e al concetto di service, presentati da candidati provenienti da tutta la Regione Campania e anche da altre Regioni d’Italia: ogni progetto ci ha emozionati, è stato un momento di grande crescita per tutti”. La dottoressa Noemi Taccarelli, Past President del “Rotary E-Club Due Golfi”, che ha presentato in modo brillante la cerimonia di premiazione, ha chiamato sul palco tutti i componenti del Comitato Tecnico Scientifico: le dottoresse rotariane Raffaelina Divano e Ada Quirino, il professore rotariano Nicola Pasquino, e l’ex Dirigente Scolastica Donatella Solidone. A ricordare il Professor Antonio Carosella, sono stati: il Past Governor Salvatore Iovieno, che è stato Assistente del Governatore Carosella di cui ha ricordato la modernità rotariana:” È stato un leader in linea con la strategia del “Rotary International”. Ha valorizzato gli elementi identificativi e le realtà territoriali del Rotary. Il suo compito principale è stato quello di educare alla cultura e alla bellezza”; la professoressa rotariana Anna Maria Ieraci Bio, ha ricordato le tante attività culturali attivate dal professor Carosella:” Perseguiva un ideale di cultura riconoscendo l’importanza del merito”; il professor Matteo Palumbo, ha ricordato lo studioso Carosella e anche la moglie del professore:” Era il marito della splendida professoressa Giovanna Corbisiero, una grande donna. Il professor Carosella dopo gli 80 anni raccolse i suoi ricordi in una raccolta di vari saggi che pubblicò nel 2008 anno in cui pubblicò anche un romanzo autobiografico intitolato “Il Ritorno”. Lui che amava le citazioni latine, come quelle di Epicuro, è andato via come un “banchettante sazio di vita”. A ricordare il Preside Carosella sono stati   il giornalista Gigi Vicinanza, che ha salutato le figlie del Preside: le professoresse  Irma e Diana Carosella, e raccontato che al liceo era una “testa calda”:” Il Preside Carosella pur essendo severo non ci ha mai richiamati: è stato sempre attento ai suoi alunni e alle questioni del Mezzogiorno”; il dottor Amleto Vingiani ha raccontato dell’uomo Carosella:” Era autorevolissimo nel suo campo e al contempo semplice e umano.  Quando nel 2009 entrai nel Rotary lui era Governatore e nonostante nel Rotary bisogna sempre darsi del tu, con lui, per timore reverenziale, non ci sono mai riuscito.  Da gastroenterologo gli ho dato dei consigli medici quando è stato ricoverato in ospedale”.  Il dottor Luigi Riello, Procuratore Generale Emerito presso la Corte di Appello di Napoli, ha evidenziato la concretezza del Premio:” L’impegno effettivo di questi giovani per delle cause utili alla collettività esaltano i veri valori che si collegano alla figura edificante del preside Antonio Carosella che ha lasciato una traccia profonda nella cultura, non solo di questo territorio. Molti oggi lavorano al contrario: non per fare il bene della collettività. Voi con questo premio date le ali a chi vuole volare alto”.  Il “Distretto Rotary 2101” ha patrocinato l’iniziativa come hanno ricordato il Governatore Ugo Oliviero e il Rappresentante Distrettuale del Rotaract Roberto Mauri. Il Governatore, il dottor Ugo Oliviero, ha ricordato la figura del rotariano Antonio Carosella:” È stato un ispiratore per l’attività rotariana: ha sempre lavorato per portare avanti i valori rotariani” e spiegato che oggi l’etica non è un valore molto considerato:” Il Rotary è anche una scuola di etica. Da un’analisi statistica è risultato che i valori dell’onestà, della legalità, dell’etica, sono considerati soltanto dal 20 % della popolazione mentre l’80% non li ritiene valori fondamentali”. Il Rappresentante Distrettuale del Rotaract 2101, l’avvocato Roberto Mauri ha sottolineato l’importanza di seguire una linea etica nel proprio operare:” È importante riuscire a fare la differenza seguendo i valori e i principi tramandatici soprattutto dai nostri genitori”. La Rappresentante Distrettuale dell’Interact Maria Clara Scialò, ha spiegato che anche i giovanissimi possono e devono essere parte attiva nel realizzare efficaci iniziative di impegno etico: “indipendentemente dall’età, con emozione e passione, dobbiamo contribuire a plasmare il futuro del mondo”. Ad aprire la cerimonia di premiazione è stata l’Orchestra Sinfonica del Liceo Severi, vincitrice di tanti premi, composta da settantasei elementi che, diretta dal Maestro Alfredo Intagliato, ha eseguito gli inni che sempre aprono gli eventi rotariani. Il baritono Filippo Rotondo, che grazie al suo progetto di inclusione, con il quale ha vinto il premio, avvicina i giovani fragili o diversamente abili al mondo della musica e dell’opera lirica in particolare, ha dedicato al numeroso pubblico il brano “Deh, vieni alla finestra”, tratto dal “Don Giovanni di Mozart, accompagnato dal giovane e bravo pianista del Liceo Severi Lorenzo Marzano. (Foto di Raffaele Iuliano).

Aniello Palumbo