Bonus Casa, prorogate agevolazioni

0
61

a cura di Gabriele Vigilante

resizerNuovo decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri che proroga le agevolazioni per gli interventi sul risparmio energetico e sulle ristrutturazioni. Infatti per gli interventi di riqualificazione ed efficienza energetica degli immobili privati il bonus sale dal 55 % al 65 %  e sarà prorogato dal primo luglio fino al 31 dicembre e potrà essere spalmato in dieci rate annuali ; l’eco bonus del 65%  varrà anche per i condomini , ma il termine sarà più lungo , fino a giugno 2014 se effettuati su parti comuni condominiali o su tutte le unità immobiliari dello stesso.

E’ stata prorogata anche la detrazione del 50% fino al 31 dicembre delle ristrutturazioni edilizie che comprendono gli interventi di manutenzione ordinaria (ad esempio rifacimento intonaci interni e tinteggiatura,riparazioni recinzioni, adeguamento impianti elettrici e di riscaldamento, ecc.), manutenzione straordinaria (ad esempio rifacimento di rampe e scale) ,restauro e risanamento , ristrutturazione edilizia e ristrutturazione urbanistica. Le agevolazioni dunque prorogate fino al 30 giugno 2014fino ad una spesa massima di 96 mila euro , il limite è ovviamente annuale e lo sconto va ripartito in rate di valore costante in 10 anni . Anche dal punto di vista burocratico vi è stato uno snellimento , infatti basta la fattura ed il bonifico tracciabile che riporti la causale , il codice fiscale di chi paga e la partita iva di chi riceve ; importante evidenziare che nell’incentivo rientra anche la prestazione del professionista per la progettazione ed inoltre qualora ci sia la vendita dell’immobile dove sono stati eseguiti i lavori di ristrutturazione e si è usufruiti del bonus del 50% , il venditore può accordarsi con l’acquirente che l’agevolazione resti in suo favore ,in quanto ha sostenuto le spese di manutenzione. Tra gli interventi ammessi al bonus rientrano anche quelli per l’adozione di misure di prevenzione antisismica , sugli elementi strutturali di interi edifici o complessi di abitazioni . Su questa tipologia di agevolazione, opere a fini antisismici, si sta discutendo in Parlamento se possa rientrare nel bonus del 65% che riguarda il risparmio energetico.

La nuova agevolazione del 50% abbraccia anche l’acquisto dei mobili dell’immobile oggetto della ristrutturazione nell’ammontare massimo di € 10.000 e può essere portato in detrazione in 10 rate annuali di pari importo per ottenere questa nuova agevolazione dovranno essere rispettatati tutti gli adempimenti formali previsti per le ristrutturazioni.

Alla luce di questo decreto , grande soddisfazione è stata espressa da più parti sia dal mondo politico che industriale , infatti si è voluto dare un forte slancio all’economia per sollecitare nel breve la crescita . Apprezzamenti sono stati espressi sia da CONFINDUSTRIA , ma anche dall’Ance ed anche da Legambiente .

 

 

Dott. Gabriele Vigilante

Dottore commercialista –  Revisore contabile

Consulente tecnico del Tribunale

LASCIA UN COMMENTO