Ordine dei Medici di Salerno e LILT insieme per la prevenzione oncologica in Uganda.

0
57

foto Massimo PicaÈ stato siglato questo pomeriggio nella sede dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia di Salerno (via SS. Martiri 31) un protocollo di intesa tra Ordine dei Medici di Salerno, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – sezione provinciale di Salerno e il Governo dell’Uganda. “Sono onorato – spiega Moses Ali, vice primo ministro dell’Uganda – di questa iniziativa. Ringrazio l’Ordine dei Medici di Salerno e la Lilt – sezione provinciale di Salerno per questa possibilità che date al nostro paese. In Italia abbiamo già siglato diversi accordi, dal settore delle energie a quello petrolifero. Oggi sigliamo un accordo importante e vitale che riguarda la prevenzione del mio popolo. Il problema del cancro è una criticità che sentiamo forte”.

“Salerno – spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Salerno, Bruno Ravera – ha una tradizione millenaria essendo stata un faro di civiltà per il bacino del Mediterraneo. Oggi ci colleghiamo a questa tradizione per dare il nostro più cordiale benvenuto alla delegazione dell’Uganda, al suo vice primo ministro, al suo ambasciatore e a tutta la delegazione. L’Uganda è un’isola felice che, nonostante i problemi di sviluppo, vive una condizione di grande tolleranza civile per effetto della maggioranza di cristiani nella propria collettività, lontana da quei fondamentalismi che alimentano una lettura distorna del Corano. L’evento di oggi – rimarca Ravera – è vissuto nel segno della solidarietà e noi siamo grati a quanti lavorano in questa prospettiva, in primis la Lilt nazionale e provinciale. L’Ordine dei Medici è orgogliosa di aver collaborato a questa iniziativa contribuendo all’addestramento del personale che si recherà in Uganda e ad ospitare i colleghi ugandesi che verranno in Italia per approfondire la loro conoscenza medica. Questo è un evento in cui la solidarietà si manifesta con i fatti e non con le parole”.

foto Massimo Pica“La Lilt di Salerno – aggiunge Giuseppe Pistolese, Presidente LILT – sezione provinciale di Salerno – provvederà alla preparazione del personale sanitario locale con l’invio in Uganda di personale sanitario specializzato appartenente alla stessa Lilt e contribuirà al potenziamento dell’attività di prevenzione tramite la fornitura gratuita di un ecografo b/n e colori e relative sonde, una lineare e una convex e di una tac. Abbiamo inteso estendere la nostra azione al di fuori dei nostri confini nazionali. Noi siamo per il bene dell’umanità e, animati da questo spirito, cercheremo di dare una mano all’Uganda e avere con loro uno scambio culturale per riuscire a migliorare la qualità di vita tramite una diagnosi precoce che sarà possibile tramite la strumentazione che doneremo”.
Il Governo ugandese, la Lilt sez. Provinciale Salerno, l’Ordine dei Medici proporranno iniziative comuni nel campo sanitario, con forme di interscambio culturale e trasmissione di protocolli gestionali nella assistenza oncologica e in altri settori della medicina preventiva, nello spirito dei dettami della Scuola Medica Salernitana. All’incontro ha partecipato anche i dottori Gaetano Pellegrino e Clementina Savastano i quali hanno spiegato nel dettaglio l’utilizzo della tac e dell’ecografo che saranno inviati in Uganda.

LASCIA UN COMMENTO