“ 2010 – 2015 CRONACHE DI UN CAMBIAMENTO” IL LIBRO DI LUIGI GRAVAGNUOLO PRESENTATO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

0
769

“Scenderei nuovamente in campo, avendo delle nuove certezze, ma senza fede, senza fiducia, non hai nemmeno speranza e se non hai speranza non pratichi nemmeno la carità cioè l’attività conseguenziale al fatto che hai un punto di riferimento e speri che grazie ad esso possa cambiare in meglio qualcosa. Operare bene per la propria comunità deve essere un valore”. Lo ha affermato il professor Luigi Gravagnuolo che è stato, con passione, Sindaco di Cava dè Tirreni dal giugno del 2006 al gennaio 2010, durante la presentazione del suo libro:”2010 – 2015 Cronache di un cambiamento”, edito da “Il Quaderno Edizioni” nella Sala Genovesi della Camera di Commercio di Salerno. Il libro racconta, attraverso gli articoli e gli editoriali scritti da Gravagnuolo sul quotidiano salernitano “Cronache”, dal 2010 al 2015, il cambiamento che c’è stato negli ultimi cinque anni nella scena politica nazionale e internazionale. Parallelamente al cambiamento “oggettivo”, Gravagnuolo narra il suo cambiamento interiore. “Un libro per riflettere insieme su come è cambiato il mondo, ma soprattutto come siamo cambiati noi” ha spiegato Gravagnuolo che nel suo “Cinegiornale”, così ha definito il libro che si legge come un giornale, pone tanti interrogativi:” Stimola riflessioni di grande livello ogni volta che lo presento”. Il libro offre anche la possibilità di poter vedere gli eventi evocati dagli articoli scritti, inquadrando, con uno smartphone, il QR Code presente nelle pagine interne. Nella prefazione, il Direttore di Cronache, Tommaso D’Angelo, ha ricordato che Gravagnuolo: ”Ha scelto la libertà e non i lacciuoli editoriali che lui ha sempre combattuto”. Tanti gli amici presenti nella sala gremita che hanno dimostrato il loro grande affetto al professor Gravagnuolo. Anche il   Presidente della Camera di Commercio di Salerno, Andrea Prete, ha   ricordato la grande amicizia che lo lega al   professor Gravagnuolo, e analizzato il veloce cambiamento che stiamo vivendo:” Stanno crollando molte delle nostre certezze. Sembrerebbe quasi che ci stiamo avviando verso un nuovo Medioevo. La gente reagisce sull’onda di uno slogan”. L’ingegner Prete ha anche evidenziato la mancanza: ” Di una vera rappresentanza del mondo di chi produce dal punto di vista politico”. Il Sindaco Vincenzo Napoli ha ricordato, il suo rapporto con il professor Gravagnuolo:” Mi sono avvalso, quando ero Sindaco facente funzioni, della sua capacità critica e della sua proprietà sintetica che gli danno una marcia in più Riesce a leggere gli eventi in trasparenza, in filigrana. E’ uno che seziona, scava, approfondisce”. Il Sindaco ha anche ricordato che nel 2010 Gravagnuolo si dimise dalla carica di Sindaco:” Allo stesso tempo si celebrò a Firenze la prima Leopolda che sembra già un prodotto dell’archeologia politica italiana. Questo significa che c’è una vistosa accelerazione dei processi politici”.

L’Onorevole Gennaro Malgieri, politico, giornalista e scrittore ha apprezzato il libro di Gravagnuolo:” Un libro scritto bene che si legge quasi come un romanzo. Mi è piaciuto il percorso personale e collettivo di cinque anni cruciali della vita politica italiana che ben ha descritto nel libro”. Malgieri ha anche riflettuto su alcune tematiche trattate nel libro soffermandosi sul   tema del locale che non vuole scomparire nel globale e sull’idea di sovranità che bisogna riacquisire:” Questi sono i grandi temi del cambiamento che non afferiscono né ad una destra , né ad una sinistra”. Il giornalista Angelo Scelzo che è stato vicedirettore della Sala Stampa vaticana, assente per un impedimento, ha inviato un suo scritto, letto dalla dottoressa Stefania Spisto, nel quale ha recensito sinteticamente il contenuto del libro:” E’ a suo modo una guida per percorrere nel senso giusto il lungo tratto, da una realtà locale alla realtà del mondo intero. Ho letto tutti i suoi articoli che lui ha scritto in questi cinque anni su quotidiano “Cronache” un giornale che ha dimostrato che si può essere attenti al territorio, ma senza che questo significhi restringere il proprio campo di azione e la propria visione”. Il dottor Roberto De Luca, Assessore al Bilancio e Sviluppo del Comune di Salerno, ha analizzato la crisi che stanno vivendo i partiti di destra e di sinistra:” Non è tanto un problema di crisi della sinistra o della destra, ma probabilmente un problema di crisi della politica.. E’ necessario tornare a parlare di buona politica e di buona amministrazione. Questa è la ricetta per superare la demagogia e il populismo”. La dottoressa Stefania Spisto, editrice della “Quaderno Edizioni” ha raccontato di aver compreso il grande valore culturale del libro di Gravagnuolo e quindi deciso di pubblicarlo:” E’ uno dei libri più belli che abbiamo pubblicato: un libro politico che permette di sognare”.

Aniello Palumbo

LASCIA UN COMMENTO