Cantieri: ripartono in sordina, ma si lotta per la sicurezza e legalità . Ripartenza in sordina per il settore edile nei primi giorni della c.d. Fase 2 della pandemia.

0
573

Si torna alla normalità o quasi dopo un mese di fermo in cui i cantieri e le attività del settore edile sono state ferme, ma la riapertura ha trovato non poche imprese e artigiani impreparati alle nuove regole che impongono i protocolli di sicurezza Covid19. Mascherine, distanze di sicurezza, gel igienizzanti e guanti sono alla base della nuova convivenza lavorativa, ma questo spesso nei cantieri non basta.

In particolare il disagio è stato riscontrato in quei cantieri che per esigenze tecniche necessitano un’operatività ravvicinata degli operai ovvero per quelle mansioni in cui è richiesta una maggiore ventilazione fisica. La sanificazione dei luoghi di lavoro e dei mezzi – sia di trasporto che operativi –è soluzione non semplice considerate le indefinite esigenze che ogni cantiere o mezzo potrebbe avere nelle diverse fasi di lavorazione.

Tuttavia, con notevoli sforzi le imprese si stanno gradualmente attrezzando per ripartire a pieno regime con non poche difficoltà nell’individuare ed applicare le corrette procedure di sicurezza per i lavoratori. Questo fenomeno non è passato inosservato ad Antonio Duraccio responsabile della Filca-Cisl dell’agro Nocerino Sarnese  sindacato degli Edili dichiarando si vigilare in maniera maggiore sulla sicurezza dei lavoratori in questa seconda fase della crisi. Secondo il sindacato i modelli di sicurezza individuati a livello nazionale dal Governo centrale sarebbero troppo generalizzati, in quanto concepiti per una pluralità di settori, senza tenere conto delle specifiche esigenze dell’edilizia.“I rischi per la salute sono aumentati, e perché si propongono modelli che in nome della semplificazione sacrificano la legalità ela dignità dei lavoratori -ribadisce Duraccio. Il problema della sicurezza del lavoro nel nostro Paese era presente già prima del Covid – continua Duraccio – ma si continuerà lavorare per una maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro, che si fondi sulla prevenzione e non sulla cura”.

Quello che chiedono i sindacati è maggiore sicurezza: un processo però che deve partire dalla formazione e dalla cultura del lavoro. Quella che sta vivendo il mercato edile è una fase di ripresa timida, che stenda a decollare. Un percorso che però potrebbe far gola alla criminalità organizzata come già accaduto in passato, laddove in occasione di eventi catastrofici la malavita ha preso il sopravvento infiltrandosi nei mercati. Questo è un fenomeno che si può solo prevenire – afferma Duraccio – proteggere i cantieri dalla malavita organizzata è come proteggerli dai pericoli: è possibile prevenire, la cura per alleviare il dolore, però spesso non produce risultati utili”, perla salvaguardia e tutela dei lavoratori delle costruzioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here