Disagio sociale, Alessandra Francese: violenze su minori, serve più prevenzione.

0
75

20160723_104915In questi giorni le cronache locali sono state monopolizzate dai fatti di Cava, dove un ragazzo di 17 anni è stato stuprato da un branco di 4 orchi (due dei quali assicurati alla giustizia) che avevano anche filmato le violenze per ricattare successivamente la vittima.

Su questo argomento interviene anche Alessandra Francese: “Non posso provare che orrore per i fatti di Cava, innanzitutto come mamma, mi auguro che ci siano le pene giuste in breve tempo. I fatti di Cava inducono sicuramente ad una riflessione, ad accorgersi che c’era qualcosa che non andava è stata la madre del ragazzo, che ha preso coscienza della gravità dei fatti ed ha deciso di far intervenire i carabinieri. Ma pensiamo a tutte quelle situazioni dove i familiari delle vittime sono conniventi se non proprio gli artefici delle violenze, penso ai fatti di Caivano ma anche a quella prostituta cubana a Roma che offriva ai suoi clienti anche la figlia 13enne in cambio di un tablet. In queste situazioni dove non c’è neanche la famiglia a proteggere il minore devono intervenire le istituzioni, specie nei quartieri più disagiati. Per questo motivo tramite il Gruppo Consiliare Progressisti per Salerno mi farò promotrice di una campagna di sensibilizzazione per prevenire che avvengano episodi di questo genere che possono segnare il minore per tutta la vita. A Cava la madre del 17enne, una professionista, aveva gli strumenti per accorgersi dei segnali di disagio manifestati da suo figlio. In molte famiglie questo purtroppo non succede, senza dover arrivare ai casi di cronaca che ho citato, semplicemente perchè non si hanno gli strumenti e le conoscenze per interpretare quei segnali d’aiuto che il minore vittima di violenze invia alle persone che gli stanno accanto.

A partire da settembre proporrò una serie di incontri coinvolgendo anche attori sociali come le associazioni e la rete delle parrocchie per prevenire episodi come quello di Cava.”

LASCIA UN COMMENTO