Il sen. Renzo Piano devolve il suo stipendio ad un fondo per i giovani

0
68

Lo stivale PositivoQuesta rubrica nasce per  segnalare e commentare  iniziative, azioni meritevoli  di singoli, di gruppi, associazioni, società, enti che con “il loro quotidiano” contribuiscono ad  arricchire  la vita civile, culturale e sociale della nostra nazione.

Periodicamente daremo notizia di attività meritevoli in ogni campo del vivere civile. E’ un ulteriore contributo che Gazzetta di Salerno intende offrire alla crescita civica  della nostra provincia e del’Italia intera.

Diamo inizio a questa  rubrica, con quello che ci è parso essere un atto di grande senso civico compiuto dal neo senatore a vita Renzo Piano.

Il grande architetto italiano, noto in tutto il mondo per le sue opere, nel corso di un’audizione al Quirinale  ha annunciato la devoluzione del suo stipendio parlamentare all’attuazione di un alto scopo culturale e sociale. Il sen. Piano ha messo a conoscenza il Capo dello Stato della costituzione di un gruppo di lavoro formato da  professionisti, i quali nel corso del tempo  hanno collaborato con lui, per mettere  al servizio della nazione il loro grande bagaglio culturale e  progettuale. L’intenzione del neo senatore è dare una mano al recupero delle periferie urbane e di edifici pubblici fatiscenti.

Questo senza dimenticare le giovani generazioni. E’ infatti volontà dell’architetto Piano devolvere il suo stipendio ad un fondo che servirà alla valorizzazione dei giovani colleghi. Saranno coinvolti annualmente giovani architetti di valore nella ideazione e progettazione per il recupero ed il consolidamento di  strutture pubbliche esistenti.

Un’azione doppiamente degna di lode; da una parte si vuole contribuire ad ideare azioni concrete per il recupero delle periferie ed il consolidamento di strutture pubbliche fatiscenti, dall’altro vengono aiutati a promuovere la loro bravura dei giovani di valore. Quello del neo senatore a vita è un esempio importante di come si possano utilizzare i propri compensi parlamentari per attuare finalità civili e sociali. Speriamo possa essere da esempio per gli altri colleghi senatori a vita.