Soprintendenza Beni Culturali, dal sindacato unito un appello ai Sindaci ed ai Prefetti di Salerno ed Avellino contro i tagli del Ministero.

0
40

Michele Faiella  (Cisl Fp)Il sindacato Cgil Cisl Uil e Unsa insieme per difendere il territorio dai tagli ai Beni Culturali. Appello unitario al Sindaco e al Prefetto di Salerno e Avellino.

“Come Le sarà senz’altro noto il Ministero ha previsto, all’interno del proprio piano di riorganizzazione, la secca riduzione degli organici degli uffici periferici della Soprintendenza di Salerno e Avellino, con un drastico ridimensionamento della pianta organica da 146 a 64 unità. L’attuazione di un simile progetto comporterebbe immediatamente l’impossibilità delle suddette strutture di garantire le indispensabili funzioni di tutela e di valorizzazione del grande patrimonio culturale del nostro territorio. Un’ipotesi nefasta, e del tutto inaccettabile, che produrrebbe un’ulteriore impoverimento alla già fragile economia locale oltre che gravare, colpevolmente, sulle aspettative dei lavoratori che – in questi anni – pure in un quadro di evidenti difficoltà, hanno consentito con il proprio impegno di garantire funzionalità e pubblica fruizione dei beni in questione.

L’argomento appare obiettivamente meritevole di un tempestivo ed incisivo intervento congiunto, delle forze del lavoro e delle Istituzioni, così da governare al meglio la gestione e gli sbocchi della vertenza in atto.

In relazione a ciò, anche a seguito delle conclusioni della recente assemblea dei lavoratori, tenutasi il 9 settembre 2015 a palazzo “Ruggi” di Salerno alla presenza delle OO.SS. territoriali, cui ha valutato di dover dare il proprio contributo anche il Soprintendente arch. Francesca Casule, con la presente intendiamo richiederLe un formale ed immediato incontro così da istruire, di comune intesa, il percorso che sarà ritenuto più opportuno”.

CGIL CISL UIL UNSA

Piero LUCIA Michele FAIELLA Lello SEPE Giovanni CELANO

LASCIA UN COMMENTO