“COTRUIRE UN FUTURO SENZA FUMO” : ANCHE A SALERNO IL PROGETTO “IQOS” DELLA PHILIP MORRIS

0
284

“L’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che nel 2025 il numero di fumatori nel mondo sarà quello di oggi, ossia poco più di un miliardo. Nonostante le campagne antifumo e le tante attività di sensibilizzazione messe in campo in tutto il mondo, nove fumatori su dieci continuano a fumare. In Italia abbiamo circa dodici milioni di fumatori con un’incidenza, stabile ormai da dieci anni, del 22 – 23 %. Noi della Philip Morris vogliamo costruire un futuro senza fumo”. E’ questo il progetto della multinazionale Philip Morris, leader mondiale nell’industria del tabacco, che da qualche anno ha deciso di rispondere alle esigenze di quei fumatori adulti che comunque continuano a fumare la sigaretta con un nuovo prodotto: “ IQOS”:” E’ una valida alternativa al fumo tradizionale. Non è la classica sigaretta elettronica, che scalda i liquidi che possono o non possono contenere nicotina , ma è un prodotto che, grazie alla tecnologia HeatControl, scalda il tabacco attraverso una lamina in ceramica, senza però bruciarlo, controllando la temperatura a 350 gradi. Si elimina la combustione che genera migliaia di sostanze tossiche e cancerogene ed anche tutti quegli effetti collaterali come l’odore sulle mani, sui vestiti e nei capelli, la cenere e il fumo, pur assaporando il gusto autentico del tabacco. Con IQOS si ha la sensazione di fumare una vera sigaretta in quanto la bocca non si appoggia ad un bocchino in plastica, ma ad uno stick di tabacco pregiato e selezionato. Abbiamo constatato che il 70- 80% di coloro che usano il prodotto IQOS abbandonano la sigaretta che non tornano più a fumare. In tutto il mondo più di sette milioni di fumatori hanno smesso di fumare la sigaretta e sono passati a utilizzare questi prodotti: noi contiamo di arrivare a 40 milioni entro il 2025. Abbiamo aperto la nuova IQOS boutique di Corso Vittorio Emanuele, 80 dopo averne aperte altre nelle città di Milano, Roma, Napoli, Torino. A Salerno e provincia ci sono 260mila fumatori”.

Il progetto della Philip Morris è stato presentato presso la Sala Moka di Salerno, durante un incontro moderato dalla giornalista Monica Di Mauro,   dal dottor Gianluca Bellavista, Direttore Relazioni Esterne Philip Morris, :” Già da quindici anni sappiamo come azienda di far parte di un problema che è quello del fumo che porta a grandi conseguenze negative in tutto il mondo. Il nostro obiettivo è stato quello di trovare una soluzione pragmatica al problema: attraverso un decennio di ricerca e studi scientifici, che stiamo rendendo pubblici, sviluppo e investimenti per milioni di dollari abbiamo creato IQOS che è una combinazione perfetta di ricerca scientifica e tecnologia. Un prodotto che ha anche un design curato e ricercato che sostituisce le normali sigarette riducendo i livelli delle sostanze tossiche. E’ commercializzato anche negli Stati Uniti  grazie a un’autorizzazione della Food&Drug Administration che ne ha definito l’introduzione sul mercato americano come prodotto “appropriato per la tutela della salute pubblica”. La sostenibilità è un altro dei principi cardine della Philip Morris come ha spiegato il dottor Bellavista:” Ci stiamo dedicando allo sviluppo sostenibile a 360gradi: a partire dalla coltivazione del tabacco, che acquistiamo da mille agricoltori di tre regioni italiane: Veneto, Umbria e Campania. L’Italia è il primo produttore europeo di tabacco ”. Anche per cercare di risolvere il problema dei mozziconi di sigaretta che vengono gettati a terra la Philip Morris sta organizzando delle importanti iniziative:” Credo molto nella sensibilizzazione delle persone: questo piccolo gesto di gettare il mozzicone per strada deve e può essere evitato. Il comportamento di ognuno può fare la differenza Anche a Salerno, con la municipalizzata “Salerno Pulita” e con l’associazione “Voglio un Mondo Pulito” porteremo avanti una campagna di sensibilizzazione: daremo anche dei portacene portatili ”.

Aniello Palumbo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here