Jomi Salerno, di nuovo testa al campionato dopo la sconfitta in Coppa Italia.

0
198

Il conto alla rovescia è già iniziato per la Jomi Salerno che, dopo l’amarezza dovuta alla sconfitta nella finale di Coppa Italia, si rituffa nel campionato con la semifinale scudetto che la vedrà opposta al Cassano Magnago.

Sarà la rivincita, tra l’altro, della semifinale dello scorso anno quando una Jomi “decimata” dagli infortuni e condizionata da diverse situazioni sfavorevoli, fu costretta a cedere la qualificazione alle varesine in gara 3.

Oggi la musica è completamente diversa, la compagine del presidente Pisapia infatti ha fatto il vuoto assoluto in campionato vincendo 26 gare su altrettante sfide disputate.

Inoltre le salernitane possono vantare la difesa meno battuta ed il secondo attacco più prolifico, dietro solo alle campionesse in carica del Conversano che hanno perso entrambe le gare giocate durante la stagione regolare.

A parlare della sfida di domenica pomeriggio a Cassano Magnago saranno Elisa Ferrari, giovane portiere emiliano al secondo anno con la maglia della Jomi e la palermitana doc Victoria Romeo, una delle “scoperte” di coach Salvo Cardaci che l’ha voluta con sé sia a Messina, sia successivamente allo Scinà squadra del capoluogo siciliano. Che partita vi aspetta domenica a Cassano? Elisa Ferrari: “Questa gara servirà per rimetterci subito in marcia dopo la battuta di arresto della settimana scorsa. Il nostro grande obiettivo ora è lo scudetto e vogliamo riprendere le redini del campionato immediatamente. Abbiamo giocato contro Cassano due volte nell’ultimo mese e lo abbiamo superato in entrambe le occasioni. Vogliamo chiudere il discorso semifinale prima possibile e sfruttare queste due gare per ritrovare l’assetto migliore in vista della finale”. Victoria Romeo: “Sarà una partita da non sottovalutare ma giocando con determinazione possiamo portare a casa un risultato positivo. Le nostre avversarie hanno una difesa molto aggressiva che ci ha messo spesso in difficoltà e giocano in velocità. Dovremo essere brave a limitarle nelle ripartenze ed a non avere cali di concentrazione. Insomma siamo nelle condizioni di poter centrare il successo che ci consentirebbe di arrivare un po’ più tranquille a gara 2 (domenica 14 davanti al nostro pubblico) e magari chiudere la contesa. Ma ci vorrà la Jomi migliore e ci stiamo preparando per questo”.

LASCIA UN COMMENTO